Al contadino non far sapere

Pain perdu con taleggio e pere

Tempo di lettura: 3 minuti

Non credevo potesse essere possibile ma anche la pera è stata vittima della moda gastronomica e ancor più del mercato impietoso. Come racconta bene il Post, le pere italiane sono in grossa crisi (puoi leggere l’articolo completo qui) ma basta dare uno sguardo rapido ai banchi di un supermercato per capire anche da soli che qualcosa non va: le pere sono poche e care.

Non toglieteci le pere

Eppure, le pere sono un frutto da buongustai, sono più dolci e hanno generalmente la polpa più fine e liscia delle mele. Persino da cotte non fanno ospedale e sono uno dei frutti che i bambini non ti sputacchiano mai in faccia.

Opportunamente trattate a vino rosso e cinque spezie, glassate di miele, incastrate in una torta al cioccolato, ingabbiate con una rete di caramello, essiccate a sfoglie e stratificate di chantilly, le pere sono tra i frutti più eleganti e malleabili da manipolare in pasticceria. Salate non sono da meno, come sa bene il contadino del proverbio.

Al contadino non far sapere quant’è buono il formaggio con le pere

Da cruda, la pera dona freschezza ai formaggi stagionati e piccanti, smorzandone la sapidità; ridotta in confettura, con un pizzichino di senape, è la mostarda che meglio si abbina ai “puzzolenti”, come il taleggio.

Il frutto con il senso dell’umorismo, quello che sta sempre volentieri sotto spirito

Per non limitarci a ricordare com’erano buone le pere – contemplando sconsolati un pezzettino di Williams in fondo a un bicchiere di grappa- ribelliamoci alla crisi e riproponiamo un fine pasto fuori dal comune, sperando che la domanda torni a influire sull’offerta: facciamo insieme un pain perdu – o french toast, se lo chiami cosìcoperto di taleggio e mostarda di pere.

Fondente e piccante

Portata Dessert
Cucina Francese, fusion
Preparazione 20 minuti
Cottura 20 minuti
Tempo totale 40 minuti
Porzioni 4 persone

Attrezzatura

  • 1 coltello da pane
  • 1 Pelucchino
  • 1 Pentolino
  • 1 padella
  • 1 ciotola
  • 1 grill

Ingredienti

  • 1 grosso filone di pane francese di 2 giorni
  • 250 g latte intero
  • 2 uova grandi
  • 200 g taleggio stagionato
  • 50 g panna fresca
  • q.b. pere intere di mostarda di Cremona
  • q.b. burro
  • q.b. zucchero
  • q.b. cannella

Istruzioni

  • Taglia il pane in sbieco, a fette alte circa 2 cm.
  • Mescola in un piatto 4-5 cucchiai di zucchero con un cucchiaio di cannella e tienilo a portata di mano.
  • Taglia a fettine sottili le pere di mostarda di Cremona o, in alternativa, procurati qualche cucchiaio di mostarda di pere.
  • In un piatto fondo, sbatti le uova con il latte.
  • Fai schiumare una generosa quantità di burro in una padella; inzuppa le fette di pane nel composto di latte uova e friggile, facendole dorare bene da entrambi i lati.
  • Scola le fettine di pain perdu, lasciale asciugare leggermente su una carta per fritti e poi passa i bordi nello zucchero e cannella.
  • Conservail pain perdu al caldo – magari nel forno che avrai scaldato con il grill – mentre fai sciogliere in un pentolino – a fuoco dolcissimo – il taleggio con la panna.
  • Versa un po’ di fonduta al centro d’ogni fetta di pane – aiutandoti con un cucchiaino – poi decora con le fettine di pera piccante.

Il consiglio per usare pere fresche

Se non ami la mostarda, la sostituzione è semplice: affetta un paio di pere e falle caramellare rapidamente in un padellino con zucchero e qualche goccia di limone.

Il consiglio per chi ha scrupoli dietetici

Non è lo stesso dolce ma l’ispirazione è la medesima: accendi il forno, copri di formaggio delle fette di pan brioche, sovrapponi delle fettine di pera fresca, irrora di miele o cospargi di zucchero e cannella e fai tostare, dando l’ultima coloritura con il grill.

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

SCRITTO DA

Leggi anche

Dal 22 Ottobre 2022 al 13 Gennaio 2023 il Museo Piaggio ospita "Le Icone del Made in Italy", in mostra una trentina di opere di Stefano berardino che dialogano con i prodotti Piaggio più celebri.
Questa edizione del Calendario Pirelli è stata dedicata dalla fotografa australiana Emma Summerton alle sue muse, alle molte donne che l’hanno ispirata e guidata nei percorsi e nelle scelte come artista e come persona. 
il 26 e 27 novembre e 3 e 4 dicembre i giardini seicenteschi dell'Uccelliera e della Meridiana della Galleria Borghese saranno aperti ai visitatori del museo.
Fino al 19 febbraio 2023, The Horror Show! alla Somerset House di Londra offre un viaggio nel ventre della psiche culturale britannica con oltre 200 opere degli artisti più provocatori.