Pollice verde

La Conserva della neve all’Orto Botanico di Roma

Tempo di lettura: 2 minuti

La Conserva della neve è la manifestazione sulla biodiversità vegetale che permette di conoscere ed esplorare le nuove forme di arte e architettura del verde.

Dopo due anni di attesa, quest’anno l’appuntamento sarà il 16 – 17 – 18 settembre nella cornice del Museo Orto Botanico di Roma, un’area di 12 ettari – tra il Tevere e il Gianicolo – ricca di collezioni botaniche, alberi ultracentenari, serre, fontane storiche e reperti archeologici.

Alla ricerca di rarità

La kermesse, aperta a tutti per tre giornate piene, è interamente rivolta al mondo del verde e offre la possibilità di assistere ad interventi culturali innovativi, scambiare informazioni relative al settore ed acquistare piante difficilmente reperibili nei circuiti tradizionali, prerogativa che la rende un evento unico in Italia.

Collezionisti, botanici, ibridatori, designer del verde

Numerosi i vivai collezionisti italiani e stranieri in esposizione, e non solo: all’interno dei Giardini di Villa Corsini, si potranno infatti incontrare ibridatori di piante geofite ornamentali provenienti da vivai specializzati, esperti nella lavorazione delle orchidee, produttori di humus di lombrico biologico, disegnatori di ecogioielli, creatori di abbigliamento realizzato in bambù, inventori di metodi naturali per la lotta agli insetti e molto altro.

Itinierari green alla riscoperta della biodiversità

Piante insolite, curiosità botaniche e prelibatezze alimentari dagli antichi sapori verranno illustrate lungo un itinerario green dove immergersi per riscoprire la biodiversità e godere di un momentaneo ritorno alla Natura, frutto di impegno, rispetto, accuratezza e partecipazione empatica.

Punti di ristoro e iniziative culturali a tema – sul mondo delle piante, ambiente ed eco-sostenibilità, all’interno della serra – si intercaleranno al serpentone espositivo per tre giornate piene.

L’Orto Botanico Universitario

Dal 2019, la Conserva della neve è stata scelta dall’Università di Roma La Sapienza (Dipartimento di Biologia Ambientale) tra le mostre romane del settore, per la sua valenza culturale e divulgativa.

Le precedenti edizioni de “La Conserva della neve” si sono svolte a Viterbo all’interno del Parco storico di Villa Lante di Bagnaia (2002 – 2009) e a Roma nel Parco dei Daini, a Villa Borghese (2010 – 2018). Coerente con il proprio scopo, dal 2010 al 2015, “La Conserva della neve” ha rifornito i Giardini Segreti di Villa Borghese di specie botaniche storiche realizzando un rapporto costruttivo di collaborazione con il Comune di Roma concretizzatosi anche in visite guidate.

Info utili

La Conserva della Neve

16-17-18 settembre 2022

Museo Orto Botanico di Roma

Ingressi: Largo Cristina di Svezia,23/A  e Via  Passeggiata del Gianicolo (Gianicolo)

Orari: dalle 9:00 alle 19:00

Biglietto: € 10.00 – (ingresso gratuito per i bambini fino ai 13 anni)

Parcheggio visitatori: lungo Via Passeggiata del Gianicolo angolo Via Garibaldi oppure su via della Lungara o Lungotevere Farnesina.

All’interno della mostra saranno a disposizione del pubblico macchinine elettriche per raggiungere la zona espositiva dall’entrata su Via Passeggiata del Gianicolo  e ritornarvi.

Trattandosi di un orto botanico universitario, secondo una norma internazionale, non sono ammessi i cani.

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

Leggi anche

Dal 22 Ottobre 2022 al 13 Gennaio 2023 il Museo Piaggio ospita "Le Icone del Made in Italy", in mostra una trentina di opere di Stefano berardino che dialogano con i prodotti Piaggio più celebri.
Questa edizione del Calendario Pirelli è stata dedicata dalla fotografa australiana Emma Summerton alle sue muse, alle molte donne che l’hanno ispirata e guidata nei percorsi e nelle scelte come artista e come persona. 
il 26 e 27 novembre e 3 e 4 dicembre i giardini seicenteschi dell'Uccelliera e della Meridiana della Galleria Borghese saranno aperti ai visitatori del museo.
Fino al 19 febbraio 2023, The Horror Show! alla Somerset House di Londra offre un viaggio nel ventre della psiche culturale britannica con oltre 200 opere degli artisti più provocatori.