insalata asparagi gamberi
Sembrava difficile

Insalata di asparagi e gamberi

Tempo di lettura: 2 minuti

Gli asparagi sono piante erbacee a foglie molto sottili, dal cui rizoma spuntano turioni 8germogli) commestibili. Sono catalogati tra i legumi caulescenti.

Henri-Paul Pellaprat ,”L’arte della cucina moderna” , 1964

Chissà se il mitico Pellaprat è ancora in uso negli istituti alberghieri. Di sicuro è uno di quei tomi che vale la pena possedere per avere una risposta a qualsiasi domanda riguardante il cosmo culinario e in Kindle è ancora più agevole da maneggiare. Nello specifico, tra le sue pagine troviamo un paio di paginette fondamentali per saper maneggiare gli asparagi.

Dimmi da dove vieni e ti dirò se sei buono

Secondo Pellaprat i migliori asparagi erano quelli di Argenteuil e – bontà sua – quelli di Bassano. Per la nostra ricetta sono necessari grossi asparagi verdi ma, dal momento che potresti aver voglia di quest’insalata anche nel periodo sbagliato per gli asparagi italiani, suggerisco di non essere troppo sciovinisti sulla loro provenienza ed eventualmente ripiegare su quelli che arrivano par avion.

Le basi per affrontare gli asparagi

La punta dell’asparago di spezza facilmente con le dita: se vuoi usare il coltello, calcola circa 7-8 centimetri dalla punta. Il resto del gambo è quasi tutto commestibile a parte la parte legnosa finale che è facilmente riconoscibile e che va eliminata.

Tuttavia, da circa metà gambo in giù – dipende dalla qualità degli asparagi – l’involucro esterno diventa più fibroso, come una lieve corteccia, e quindi bisogna eliminarlo con un pela asparagi o con un comune pelapatate.

Quindi: pela gli asparagi, pareggia le punte e taglia la parte finale per renderli tutti lunghi uguali (usando un po’ di buon senso perché buttare asparago buono è una cretinata, anche se l’estetica in cucina è importante), legali a mazzetti e falli bollire in acqua salata.

La sacra punta

Gli asparagi cuociono in pochissimi minuti, soprattutto da pelati e ancora più velocemente le punte. In quanto tempo? Per il gusto moderno, che non li vuole per niente mollicci, circa 7 minuti. La punta cuoce tranquillamente con il vapore dell’acqua, quindi il mazzo d’asparagi dovrebbe essere cotto a testa in su e fuori dall’acqua di qualche centimetro. Lo sapevi che esiste una magica pentola chiamata asparagera?

Più facile e veloce del previsto

insalata asparagi gamberi
Portata Insalata
Cucina internazionale, Italiana
Preparazione 30 minuti
Cottura 15 minuti
Porzioni 4 persone

Attrezzatura

  • Pelapatate o pela asparagi
  • Asparagera o pentola alta
  • padella

Ingredienti

  • 24 gamberi o mazzancolle
  • 3 cespi indivia
  • 1 mazzo asparagi verdi
  • q.b. sale
  • q.b. olio d'oliva extra vergine
  • 1 spicchio aglio
  • 1 peperoncino piccolo

Per il condimento

  • 2 cucchiai succo di lime
  • 4 cucchiai olio d'oliva extra vergine
  • 1 cucchiaino zucchero

Istruzioni

  • Pulisci gli asparagi come spiegato nell'articolo e falli cuocere in acqua abbastanza salata, tenendoli al dente (5 minuti)
  • Nel frattempo, lava e affetta a julienne l'indivia.
  • In una padella capiente, fai scaldare un po' olio con uno spicchio d'aglio ed il peperoncino. Quando l'olio è caldo, togli l'aglio e fai saltare i gamberi per 3 minuti.
  • Spegni il fuoco, aggiungi l'indivia, aggiusta di sale, mescola e chiudi con il coperchio.
  • Taglia le punte degli asparagi a circa 7 cm e il resto dei gambi di circa 3 cm. Unisci tutto in un piatto di portata.
  • Mescola velocemente il succo di lime con zucchero e olio e condisci l'insalata. Servi subito.

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

SCRITTO DA

Leggi anche

Tra nevrosi, proiezioni e costruzione dell'identità, cercheremo di capire come funziona la paura. Questo processo incontrollabile e profondo, che può salvarci la vita ma anche rendercela impossibile.
Fino al 20 ottobre 2024, il Museo Archeologico Regionale di Aosta ospita la mostra "Artenumero: Gli artisti e il numero tra XX e XXI secolo". Uno sguardo unico sull’arte degli ultimi sessant’anni attraverso l’uso del numero.
Un nuova fragranza per ambienti creata da Salvina D’Angelo, ispirata ai profumi del Parco Nazionale del Gran Paradiso.
La storia del blu è una storia relativamente recente, e inizia nel cuore del medioevo. E prima?