Meglio di una rosa rossa

Carciofi a San Valentino

Tempo di lettura: 2 minuti

Regalare dei carciofi per San Valentino: follia? No! Perché quell’ortaggio che gusti sott’olio, fritto, in umido o alla giudia altro non è che una pianta appartenente alla famiglia delle Asteraceae, esattamente come le margherite e i fiordalisi.

Se lasciato tranquillo nell’orto, pian piano schiude le sue brattee coriacee e carnose lasciando fuoriuscire una miriade di filiformi petali color indaco.

Cynara è il suo nome scientifico. E Cynara era il nome di una ninfa di rara ed elegante bellezza dal carattere orgoglioso. Rimasta indifferente all’insistente corteggiamento di Zeus, si vide trasformare proprio in un carciofo spinoso e pungente con un cuore morbido e delicato.

“Il carciofo dal tenero cuore si vestì da guerriero, ispida edificò una piccola cupola, si mantenne all’asciutto sotto le sue squame” e ancora “e il dolce carciofo lì nell’orto vestito da guerriero, brunito come bomba a mano, orgoglioso (…) ”

Neruda, “Ode al carciofo”

Questo fiore di nobile e scultorea bellezza mostra lo spinoso orgoglio di chi, difendendo ostinatamente un animo sensibile, si svela solo a chi sa aspettare.

Non è dunque simbolo d’amore? Donarlo è la perfetta rappresentazione di come solo chi ama sa andare oltre le apparenze fino a scoprire la parte più nascosta e segreta dell’altro.

Se cerchi un’alternativa insolita, elegante e poetica alle classiche rose rosse, il carciofo merita di essere considerato.

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

SCRITTO DA

Leggi anche

Il desiderio è il tema della III°edizione di (un)fair, in programma dall’1 al 3 marzo 2024 al Superstudio Maxi di Milano. Ecco cosa non perdere.
Partiamo alla scoperta di una iconica serie TV dei primi anni '80, e di tutto il mondo dietro le sue quinte.
Pianifichi un’escursione romantica nel capoluogo lombardo? Ecco dieci (e più) cose romanticissime che puoi fare ma spendendo pochissimo.
Non esiste, per il bibliofilo, un piacere maggiore di quello che si prova sfogliando le pagine del bestiario curato da Domitilla Dardi e pubblicato da 24 ORE Cultura