Mirabilia / Podcast #1

Storie straordinarie: Il prete Gianni

Tempo di lettura: 2 minuti

Questa è la storia di un Re. Anzi, non un Re qualsiasi, ma il più grande di tutti i Re, il Signore dei Signori. Un Re che però non esiste, non è mai esistito. Ma così reale che ad un certo punto tutti credettero esistesse davvero, inclusi i Papi e gli Imperatori.

Già nel 1122 circolava voce che il “Patriarca delle Indie” avesse fatto visita al papa, Callisto II, parlandogli della sua città, un posto paradisiaco dove vivevano solo fedeli cristiani. In effetti quell’anno un “arcivescovo dell’India” – come riporta una lettera di Odone, abate di Saint-Remy di Reims – era venuto in visita a Roma, parlando con esagerazioni dell’opulenza e dei tesori dei paesi in cui si trova il corpo di san Tommaso. La speranza di un remoto e fantastico regno cristiano in Oriente aveva così lasciato spazio ai racconti che concorsero a formare la leggenda del “Prete Gianni”.

Diogo Homem, Public domain, via Wikimedia Commons

La prima volta che troviamo il suo nome in un’attestazione scritta risale al 1145, a quando Ugo di Gabala, un vescovo siriano, affermò che un “certo Gianni”, re e prete insieme, proveniente “da oltre la Persia e l’Armenia, in estremo Oriente” e discendente dei re magi, aveva deciso di venire in aiuto alla Chiesa di Gerusalemme e aveva vinto i medi e i persiani, impadronendosi delle terre al di qua del Tigri. Probabilmente Ugo di Gabala fa riferimento alla sconfitta del sultano selgiuchide, Sanjar, compiuta in realtà della tribù mongola dei Karakitai nel 1141.

Tutto però diventa di colpo “reale” con una lettera. Siamo nel 1165, a Bisanzio regna Manuele Primo Comneno, in Europa il Papa è Alessandro III, quello degli antipapi, quello che fece inginocchiare davanti a sé nientemeno che Federico Barbarossa.

In questa puntata andremo alla scoperta di un regno di meraviglie, di una storia che attraverso i secoli raccolse speranze, sogni, fantasie, misteri, intorno ad un regno che, come tanti altri luoghi, entrò a far parte dell’immaginario collettivo senza che nessuno lo avesse mai visto, passando dalla realtà alla leggenda, e poi a quel mondo di esseri e fenomeni fantastici che alimenterà la narrativa esotica di centinaia di scrittori in ogni tempo.

Ascolta il podcast

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

SCRITTO DA

Leggi anche

Sabato 28 gennaio 2023 alle ore 18, a Palazzo Vizzani, apre al pubblico la mostra And We Thought III, progetto che indaga principalmente il concetto di autorialità: può un’intelligenza artificiale generare arte?
È il 4 dicembre 1953. C’è un uomo, con un vestito scuro, che corre nei campi vicino alla stazione ferroviaria di Alessandria. Scopri la storia di Eugenio Gaggiotti.
Monarca dei record, sovrana di stile, ultima vera icona pop del nostro tempo che ha ispirato serie televisive, film, canzoni e opere d’arte, Sua Maestà la Regina Elisabetta II è protagonista della mostra "Lilibet. The Queen", promossa dal 19 gennaio al 20 febbraio 2023 da Agostino Art Gallery di Milano.
Questa è la storia di uno dei più grandi disastri della Liguria, avvenuto il 13 agosto 1935, quando il lago artificiale di Ortiglieto, sulle alture di Molare, tracimò a seguito di piogge torrenziali di incredibile portata, sfondando un muraglione di appoggio e disintegrando una montagna, per poi abbattersi a valle con una violenza inaudita. È una storia speciale che i nonni raccontano ancora ai nipoti, sulle montagne dell’Appennino, e che ha lasciato una ferita mai rimarginata nella valle del fiume Orba.