Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Scopri il tuo destino

Predizioni divine nei templi giapponesi: Omikuji

Tempo di lettura: 3 minuti

Viaggiando per il Giappone, dalle cittadine più remote alle megalopoli, a un certo punto ti viene da chiederti se il numero di templi sia pari a quello della popolazione. Sicuramente no, ma la sensazione è quella. 
Ce ne sono ad ogni angolo, da quelli piccolissimi dove si trova solo un Torii e un paio di altari all’aperto, a magnifici santuari che sembrano quasi delle città, come il tempio delle scimmie di Nikko (Nikkō Tōshō-gū, patrimonio dell’umanità).
Una della tante cose curiose che potrai vedere in questi luoghi sacri è l’Omikuji.

Cos’è l’Omikuji?

Letteralmente significa “lotteria sacra”.
Gli Omikuji sono dei bigliettini di carta arrotolati che troverai in prossimità dell’ingresso di un tempio, poco dopo aver attraversato il torii, sul sentiero che porta al tempio.
È una sorta di oracolo che contiene predizioni sulla tua vita.

Come funziona?

Dipende dal tipo di tempio. 
Nei templi più piccoli e defilati ci sono dei moderni distributori automatici, infili le monete e prelevi il bigliettino con le tue previsioni.
Nei templi di una certa dimensione e importanza (come nel famoso Sensō-ji a Tokyo), rimangono metodi più tradizionali e sicuramente molto più affascinanti. 

Sempre dopo aver offerto delle monete, troverete un contenitore di metallo, alto e stretto, che contiene dei bastoncini numerati. Si scuote la scatola e si cerca di far uscire da un foro il bastoncino. Si controlla che numero riporta il bastoncino e si rimette nel contenitore. Nei pressi della scatola ci sarà una grande cassettiera di legno con un numero su ognuno. A questo punto basterà aprire il cassetto con il numero trovato sul bastoncino e prelevare il nostro foglietto arrotolato. 

Cosa c’è scritto sull’Omikuji?

Bella domanda. La maggior parte sono scritti in giapponese e vi dovrete ingegnare per capirci qualcosa. Alcune App di traduzione potranno tornarvi utili.
Nei templi più frequentati dai turisti – sul retro del foglietto – si può trovare la traduzione in inglese.

Come prima cosa riporterà una sintesi del vostro destino:

Grande benedizione (dai-kichi, 大吉)
Media benedizione (chū-kichi, 中吉)
Piccola benedizione (shō-kichi, 小吉)
Benedizione (kichi, 吉)
Mezza-benedizione (han-kichi, 半吉)
Quasi-benedizione (sue-kichi, 末吉)
Quasi-piccola-benedizione (sue-shō-kichi, 末小吉)
Maledizione (kyō, 凶)
Piccola-maledizione (shō-kyō, 小凶)
Mezza-maledizione (han-kyō, 半凶)
Quasi-maledizione (sue-kyō, 末凶)
Grande maledizione (dai-kyō, 大凶)

Poi più nel dettaglio, entrerà nel merito dei vari settori della vita, dal matrimonio al lavoro, passando per salute, amore e desideri.
Ora, se sei fortunato e trovi una benedizione, arrotoli il tuo foglietto e lo tieni sempre con te, nell’attesa che si realizzi quanto previsto.

Se invece ti sei beccato una maledizione di qualsiasi grado, la procedura è diversa.
Sempre nei paraggi si trova un albero. Sui rami viene legato il bigliettino come per metterlo in attesa, aspettando che la maledizione si dissolva, senza portarsela dietro.

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

SCRITTO DA