Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Patti chiari, trombamicizia lunga

Piccolo vademecum per trombamici

Tempo di lettura: 2 minuti

Quand’è che abbiamo smesso di credere nell’amore? O forse  l’amore con la A maiuscola è una grande bufala che ci hanno venduto non ricordo bene come/quando/e/perché? In quest’epoca confusa e iperconnessa, cerchiamo consolazione in modi creativi, ansiosi e spesso poco appaganti. È ormai consolidata nella vita di ogni single, la figura del trombamico.

Ho sempre visto le relazioni di trombamicizia come un ripiego, in momenti di transizione tra una storia e un’altra. Un modo per riempire dei vuoti, per scambiarsi attimi di consolazione transitori.
Per molte persone sono un modo di vivere il sesso libero e senza troppe complicazioni, per altri ancora un modo per sentirsi liberi di allenarsi con il pessimo ghosting e via così.

Possiamo viverla in tanti modi ma esistono piccoli accorgimenti per farla rimanere una cosa bella e non scadere nello squallore.

Ecco cosa fare

Molte delle le cose da non fare con un trombamico sono già state dette: non presentarlo ai tuoi amici, non ci andare al cinema, bla bla bla bla. Le sappiamo.  Quello che voglio scrivere qui è cosa fare.

Ai più sembrerà inutile, perché i trombambici per eccellenza sono soprattutto arroganti e convinti di essere i più fighi del mondo, ma io sento la necessità di stilare un elenco di piccoli – semplici – accorgimenti da osservare, per una relazione soddisfacente e duratura. Certo, duratura. Se continui a cambiare trombamico/a diventa un lavoro. Non è meglio coltivarne pochi, allegri e soddisfatti?

5 piccoli suggerimenti molto efficaci

1. Proponiti come trombamico solo se hai effettivamente le doti per esserlo. La condizione sine qua non è che tu sia estremamente bravo a fare sesso.
Altrimenti continua serenamente ad ammazzarti di pippe, comprati un sex toy o trovati una fidanzata crocerossina, ce ne sono tante.

2. Quando vuoi organizzare un incontro con un trombamico, cerca di fare un minimo sforzo per non rendere tutto squallido. Usa il telefono, sforzati di essere così gentile da fingerti interessato ai convenevoli (cose tipo: come stai/com’è andata la giornata/programmi per il we), mettici un po’ di contorno. Gioca.

3. Quando passate del tempo insieme, mettici tutto l’impegno possibile per farle sentire che in quel momento è tutto quello che desideri. Falla sentire la persona più sexy del mondo. A tutti piace un po’ di sana ipocrisia qua e là.

4. Anche fra i trombamici ci vuole un po’ di costanza. È chiara la direzione, è chiarissima la mancanza totale da parte di tutti e due di una progettualità nel rapporto, ma se vi vedete una volta ogni tre mesi e solo quando vuoi tu, è più simile alla prostituzione. Devi almeno fare il gesto di pagarla/o. Il trombamico deve essere sempre disponibile per una notte di fuoco, ad ogni minimo cenno. E la cosa deve essere reciproca. In poche parole: mai farsi pregare, non ci si sta corteggiando.

5. Il bello del rapporto con il trombamico è la totale confidenza che si crea, senza la paura di doversi prendere degli impegni, senza essere mai giudicati, senza pretendere l’esclusività. Quindi evita accuratamente di fare domande sulla presenza di altre persone nella vita dell’altro.

Osservando questi piccoli accorgimenti non sarà più un ripiego, ma una cosa bella, rispettosa e, spesso, molto divertente.

SCRITTO DA