La collezione etica di Takaturna

Moda gender fluid, sostenibile e piena di energia

Tempo di lettura: 3 minuti

Ho sempre pensato che la moda – come in generale anche l’arte, il cinema e la musica – abbia un ruolo fondamentale nei cambiamenti culturali.
Ci sono brand che finalmente iniziano a innescare nuove forme di pensiero, attuali e contemporanee, anticipando modi di vivere che rispettano la natura e le persone, senza rinunciare alla tecnologia avanzata.

Takaturna è un marchio made in Italy che fonda il suo lavoro sull’etica, l’esperienza artigiana e sulla creatività.
Uno stile nel quale si riconosce la community Gender fluid e la Gen Z, ma che per la sua versatilità piace anche agli over 30, ai professionisti, agli sportivi e a chi vive la vita con energia ed entusiasmo. 

Capi no-gender

La collezione outerwear disegnata per l’autunno-inverno punta su capispalla, pantaloni e pull no gender realizzati con il taglio cinetico, un metodo di lavorazione antico che si basa sull’analisi dei movimenti biomeccanici naturali dell’anatomia umana ed è completamente diverso dal taglio tradizionale utilizzato normalmente, che invece fa leva sul corpo immobile. Con il taglio cinetico, i diversi capi sono realizzati con un unico pezzo di stoffa che avvolge il corpo garantendo una vestibilità ergonomica, confortevole, pratica e in sintonia con lo stile di vita contemporaneo che agli abiti richiede dinamicità e capacità di adattarsi al movimento, senza però rinunciare al look. 

Tutta la capsule coniuga l’alta sartorialità con le lavorazioni tecniche tipiche dell’abbigliamento sportivo, per regalare a ciascun capo sia un twist originale e grintoso sia il massimo livello di comfort.
Creativa, vitale e pensata per una moda inclusiva e etica, la collezione punta su materiali di altissima qualità, eco-friendly e provenienti dai migliori fornitori italiani che vengono selezionati per l’impiego di best practice e per l’attenzione all’ambiente e ai collaboratori

Dai tessuti leggeri ed avvolgenti ai filati pregiati, dalle passamanerie agli accessori più originali, ogni elemento che compone un capo è all’insegna della trasparenza e dell’etica. Protagonista indiscussa della capsule è la lana nelle sue varie composizioni, lavorata con metodi di produzione innovativi e attenti all’ambiente, per rendere i capi caldi e tecnici al tempo stesso.
La natura inoltre si fonde con la tecnologia grazie a tessuti composti da 100% nylon riciclato (Econyl®) e 100% poliestere riciclato. Il risultato è una moda che dura nel tempo e ama l’ambiente.

Per la sua filosofia tanto nuova quanto attuale che mette al centro la persona e l’ambiente, Takaturna sta diventando un punto di riferimento per chi condivide i valori e la mission del marchio: una community dinamica e attiva composta da Brand Ambassadors che hanno un profondo rispetto del pianeta, che fanno di libertà, uguaglianza e indiscriminazione il proprio lifestyle e che decidono cosa indossare e come indossarlo.

Francesca, Creative Director, sottolinea che: “Takaturna è il nostro modo di sentire la moda. Chi indossa i nostri capi percepisce la dinamicità, l’energia e la forza della natura alla quale ci ispiriamo nelle forme e nei materiali, creati per lo più in esclusiva per noi. Takaturna è uno stato dell’essere che veste l’anima prima del corpo e fa sentire ciascuno a proprio agio, unico e speciale. Takaturna è un investimento duraturo perché un nostro abito non si getta via, magari lo si regala, ma è e rimane un valore. Questa è la nostra idea di sostenibilità: un prodotto da indossare onesto, accessibile, che guarda alla moda ma non al fast fashion. Un prodotto il più possibile eco-friendly in ogni fase del suo sviluppo”.

Anche se è un new brand, Takaturna nasce dall’expertise della Famiglia Comino che da 60 anni e 3 generazioni condivide la passione per la moda e per lo stile e che si distingue per la produzione a mano di capispalla e abiti haute de gamme realizzati per le più importanti Maison di moda italiane e internazionali. L’azienda, che sorge a Mondovì (CN) in quelle Langhe elette a patrimonio Unesco, da sempre attribuisce grande valore alla sostenibilità e agisce in modo etico e trasparente sia a livello di relazioni, gestione aziendale e scelta dei fornitori sia nella selezione dei materiali 100% made in Italy, eco-friendly e rigenerati, sia nella filiera produttiva che controlla direttamente. 

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

Leggi anche

La storia del blu è una storia relativamente recente, e inizia nel cuore del medioevo. E prima?
Arriva in Italia la prima personale dedicata a Shepard Fairey (OBEY), uno degli street artist più influenti e acclamati a livello internazionale. Dal 16 maggio al 27 ottobre 2024 alla Fabbrica del Vapore di Milano
Il 13 aprile 2024 inaugura, presso la Fondazione Antonio Dalle Nogare di Bolzano, «I just don’t like eggs!» di Andrea Fraser, la prima mostra personale dedicata da un’istituzione italiana alla ricerca dell'artista, scrittrice e pensatrice.
Dal 12 al 14 aprile, il Castello di Strassoldo di Sopra farà da cornice alla manifestazione Magici Intrecci Primaverili, un evento imperdibile per gli amanti dell'artigianato, del giardinaggio e del buon cibo.