Mirabilia podcast

La storia del blu

Tempo di lettura: < 1 minuto

Nell’epoca in cui viviamo, il blu è un colore molto amato, e molto usato.

Eppure, nella lingua inglese “blue” vuole anche dire “triste” e, anche se oggi facciamo molta fatica a capire perché, la storia di questo colore viene proprio dalla tristezza e dal lutto.

Ma c’è di più: questo colore non è antico come si potrebbe immaginare e per millenni non esistette nemmeno come colore distinto e chiaramente riconoscibile. In molti di questi millenni non ebbe nemmeno un nome e tantomeno un significato simbolico ben definito.

La storia del blu, quindi, è una storia relativamente recente, e inizia nel cuore del medioevo. E prima? Che ne era del blu prima del medioevo? Gli antichi greci e romani non vedevano il blu? In questa puntata andiamo alla scoperta del blu e di come arrivò, partendo dal nulla, a diventare il colore più amato dell’umanità.

Ascolta il podcast Mirabilia

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

SCRITTO DA

Leggi anche

Tra nevrosi, proiezioni e costruzione dell'identità, cercheremo di capire come funziona la paura. Questo processo incontrollabile e profondo, che può salvarci la vita ma anche rendercela impossibile.
Fino al 20 ottobre 2024, il Museo Archeologico Regionale di Aosta ospita la mostra "Artenumero: Gli artisti e il numero tra XX e XXI secolo". Uno sguardo unico sull’arte degli ultimi sessant’anni attraverso l’uso del numero.
Un nuova fragranza per ambienti creata da Salvina D’Angelo, ispirata ai profumi del Parco Nazionale del Gran Paradiso.
Arriva in Italia la prima personale dedicata a Shepard Fairey (OBEY), uno degli street artist più influenti e acclamati a livello internazionale. Dal 16 maggio al 27 ottobre 2024 alla Fabbrica del Vapore di Milano