Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Suggerimenti di eleganza olfattiva

Il galateo del profumo

Tempo di lettura: 3 minuti

Che cos’è il galateo del profumo? Ve ne parlo più estesamente in una piccola guida gratuita ma, intanto, facciamo qui un riassunto per essere certi di indossare sempre il profumo con eleganza, in qualsiasi stagione e in qualsiasi situazione.

Lo charm di un profumo, impalpabile ma allo stesso tempo denso di significato, può creare intorno a chi lo indossa un’aura di mistero, può raccontare della persona, rivelare dettagli della sua personalità.

Come si sceglie un profumo?

Provare un profumo sulla mouillette non è sufficiente per capire se la fragranza è adatta a noi, prima di tutto perché il profumo è diverso sulla pelle rispetto alla carta, poi perché abbiamo bisogno di tempo per sentire l’intera fragranza nella sua evoluzione.

Ricordati che ogni profumo si esprime diversamente a seconda della pelle. Il profumo che sta bene a me può risultare non così piacevole su un’altra pelle perché il profumo naturale è diverso da persona a persona; esso varia a seconda del ph, dagli ormoni, se stai assumendo farmaci, se utilizzi altri cosmetici o creme profumate e persino a seconda della tua alimentazione. Se nella tua dieta ci sono aglio, cipolla o se bevi molti alcolici, per esempio, questo potrebbe variare l’odore della pelle e far cambiare anche il profumo che indossi.

Come si indossa il profumo?

Innanzitutto, il profumo sarà migliore sulla pelle appena lavata. Quando sei pronto per l’incantesimo, spruzzalo nell’aria e passa in mezzo alla nuvola, come faceva Marilyn Monroe, oppure spruzzalo sopra la testa e attendi che ti profumi dall’alto.  Un altro modo è applicare il profumo direttamente sulla pelle, nei punti del corpo in cui il sangue si fa sentire, in cui pulsa ed è più caldo: i polsi, il collo, dietro le ginocchia, all’interno dei gomiti.

Le regole per indossare il profumo con grazia

Indossare una fragranza può regalare un senso di benessere sia a noi sia a chi ci sta intorno, a patto però che si seguano alcune importanti regole.

Per prima cosa non esagerare, soprattutto se hai scelto note orientali o comunque forti: lasciare la scia dietro di sé non è elegante perché può invadere la sfera privata (banalmente l’aria) di chi ci è vicino. A volte siamo talmente abituati al nostro profumo da non sentirlo più, con il rischio di eccedere senza volerlo. Un paio di spruzzi dovrebbero essere sufficienti per essere avvertiti solamente da chi ci si avvicina dai 50-60 cm fino all’abbraccio.

Cosa evitare per non spezzare la magia

Un tocco raffinato di profumo può essere piacevole per chi lo indossa e per chi incontra, troppo invece può causare l’effetto opposto.

Mi raccomando, non strofinare la parte profumata e non profumare tutti i punti caldi contemporaneamente, altrimenti si sentirà troppo e farai allontanare le persone anziché attrarle.

Cerca, inoltre, di non fare una macedonia di profumi indossando la tua migliore eau de parfum dopo aver applicato una crema e magari uno shampoo o un balsamo altrettanto odorosi. A questo proposito, ho già parlato di come accostare profumi diversi con la tecnica del layering.

In spiaggia o comunque sotto il sole è meglio evitare di indossare profumi – che potrebbero macchiare la pelle – ma anche in piscina, in quanto l’odore del cloro potrebbe farlo diventare molto sgradevole.

In altre situazioni – come in aeroplano, in ufficio o al ristorante, in cui si è per forza vicini ad altre persone che mangiano, bevono, si concentrano o riposano – il bon ton del profumo suggerisce di indossare fragranze light, non invasive degli spazi altrui.  Non c’è nulla di peggio di assaporare una succosa ostrica annusando le note speziate del vicino di tavolo!

Infine – ma probabilmente dovrebbe essere il primo sintomo di buona educazione olfattiva – non dovresti mai credere di poter coprire i cattivi odori corporali con una eau de parfum: le molecole che provocano gli odori naturali della pelle si legheranno alle molecole che compongono il profumo con risultati facilmente disastrosi.  È di gran lunga meglio, dopo essersi lavati, utilizzare un buon deodorante o antiperspirante senza profumo e, solo allora, indossare la propria fragranza preferita

Si può regalare un profumo?

È già difficile scegliere la giusta fragranza per sé stessi, figuriamoci per un’altra persona! Però il bon ton non lo vieta e, anzi, regalare un profumo presenta molti vantaggi.

In primis è un prodotto che porta con sé un’idea di lusso ma che, allo stesso tempo, è disponibile a misura di qualsiasi budget. Inoltre, è facile da mettere in valigia nel caso sia stato comprato come souvenir in un viaggio.  In ogni caso, ricevere in regalo un profumo significa che qualcuno ci ha pensati come persona, ha provato a comprendere come siamo e ci ha voluto regalare qualcosa di magico, cosa che fa sempre molto piacere. Anche se magari non ha scelto proprio la fragranza più adatta, apprezza il gesto!

Cover Photo by Siora Photography on Unsplash

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

SCRITTO DA

Leggi anche