Le Muse di Emma Summerton

Donne di talento per The Cal™, 49esima edizione

Tempo di lettura: 3 minuti

Per la 49esima edizione di The Cal™, il famoso e attesissimo calendario Pirelli, edizione 2023 si è scelto di celebrare il talento femminile. 
Avevamo già spoilerato qualcosa in precedenza sulla fotografa e il tema: “Love Letters to the Muse”, di Emma Summerton.

Le muse di Emma Summerton

Emma Summerton è la quinta donna a firmare il Calendario dopo Sarah Moon nel 1972, Joyce Tenenson nel 1989, Inez Van Lamsveerde (del duo Inez and Vinoodh) nel 2007 e Annie Leibovitz nel 2000 e nel 2016.

Questa edizione del Calendario Pirelli è stata dedicata dalla fotografa australiana alle sue muse, alle molte donne che l’hanno ispirata e guidata nei percorsi e nelle scelte come artista e come persona. 

“Per il Calendario sono voluta tornare alla radice etimologica della parola musa. Musa originariamente rappresentava non solo la fonte di ispirazione, ma anche chi possedeva talento nella letteratura, le scienze e le arti”, spiega Emma Summerton dicendosi “affascinata dalle donne che realizzano cose straordinarie e creative, donne che mi hanno ispirato lungo tutta la mia carriera e lungo tutta la mia vita, a partire da mia madre. Persone dalle quali ho imparato molto: scrittrici, fotografe, poetesse, attrici e registe. La mia idea, quindi, è stata quella di celebrare queste donne straordinarie e di creare un mondo in cui rappresentarle”. 

14 modelle d’eccezione

Non è banale, né casuale la scelta di molte donne che non sono solo modelle ma molto altro. In alcuni casi non sono nemmeno modelle.
14 bellissime donne ritratte con lo stile onirico che distingue il lavoro di Emma Summerton, ognuna scelta per rappresentare se stessa e il proprio talento.
Ogni modella scelta dalla Summerton presenta delle affinità con la Musa che è stata chiamata a rappresentare.  

Prima di iniziare a scattare, Emma si chiede sempre chi sia la donna protagonista della sua opera, poiché la donna e, soprattutto, la sua umanità, sono ciò che davvero la muove. “Devi essere vulnerabile per trovare la profondità altrui”, afferma. Cercando le risposte alle domande con cui si apre il Calendario – “chi è la donna (..), chi ama (..), come ama?” – nella sua mente aveva cominciato a immaginare chi potesse essere ognuna di queste donne, ma mancava ancora un filo che le unisse. La parola “Musa” le è parso un punto di congiunzione appropriato: i suoi soggetti sarebbero state tutte modelle, ma anche Muse, ritratte a seconda del modo in cui ciascuna di loro si presenta al mondo, filtrato dal prisma della realtà aumentata della fotografa. 

“Nei miei scatti il confine tra il ruolo che le modelle interpretano e quello che realmente sono non è definito e il tutto si fonde in immagini che evocano il realismo magico”, spiega la fotografa. 

Attraverso questa scelta sono rappresentati molti temi cari alla fotografa: Guinevere Van Seenus, oltre a essere una top model è nella realtà anche una fotografa.
Lauren Wasser, modella e atleta. Ashley Graham, che nel calendario rappresenta l’attivista, nota per il suo sostegno della body positivity.
Precious Lee, la narratrice che ama scrivere sceneggiature e storie

Bella Hadid – August – The Cal™ – Emma Summerton

Ecco temi e modelle del calendario, in ordine di apparizione: 

Lila Moss – LA VEGGENTE (the Seer) 
Guinevere Van Seenus – LA FOTOGRAFA (the Photographer) 
Adwoa Aboah – LA REGINA (The Queen) 
Karlie Kloss – L’ESPERTA DI TECNOLOGIA (the Tech Savant) 
Sasha Pivovarova – LA PITTRICE (The painter) 
Lauren Wasser – L’ATLETA (the Athlete) 
Emily Ratajkowski – LA SCRITTRICE (The Writer) 
Cara Delevingne – LA PERFORMER (the Performer) 
Bella Hadid – IL FOLLETTO (the Sprite) 
Kaya Wilkins – LA MUSICISTA (the Musician) 
Precious Lee – LA NARRATRICE (the Storyteller) 
He Cong – LA SAGGIA (the Sage) 
Adut Akech – LA CACCIATRICE DI SOGNI (the Dream Catcher) 
Ashley Graham – L’ATTIVISTA (the Activist). 

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

SCRITTO DA

Leggi anche

Sabato 28 gennaio 2023 alle ore 18, a Palazzo Vizzani, apre al pubblico la mostra And We Thought III, progetto che indaga principalmente il concetto di autorialità: può un’intelligenza artificiale generare arte?
È il 4 dicembre 1953. C’è un uomo, con un vestito scuro, che corre nei campi vicino alla stazione ferroviaria di Alessandria. Scopri la storia di Eugenio Gaggiotti.
Monarca dei record, sovrana di stile, ultima vera icona pop del nostro tempo che ha ispirato serie televisive, film, canzoni e opere d’arte, Sua Maestà la Regina Elisabetta II è protagonista della mostra "Lilibet. The Queen", promossa dal 19 gennaio al 20 febbraio 2023 da Agostino Art Gallery di Milano.
Questa è la storia di uno dei più grandi disastri della Liguria, avvenuto il 13 agosto 1935, quando il lago artificiale di Ortiglieto, sulle alture di Molare, tracimò a seguito di piogge torrenziali di incredibile portata, sfondando un muraglione di appoggio e disintegrando una montagna, per poi abbattersi a valle con una violenza inaudita. È una storia speciale che i nonni raccontano ancora ai nipoti, sulle montagne dell’Appennino, e che ha lasciato una ferita mai rimarginata nella valle del fiume Orba.