E.lette, scrittura e immagini

Donne che varcano i confini

Tempo di lettura: 2 minuti

È in partenza la seconda edizione di e.lette, una rassegna di incontri, concentrata in un weekend, per approfondire un percorso di congiunzione tra città e territori di provincia che quest’anno è dedicato a esplorare le scritture e le immagini di donne che varcano i confini. 

Il titolo di questa edizione è “E.lette: La lettura aumentata per un Safe Space intersezionale e itinerante”.

Nella sua prima edizione, e.lette ci ha condotto tra le pieghe de “La letteratura nei femminismi sommersi”. È proprio dall’ultimo incontro con Elvira Mujčić, autrice – serba di nascita vissuta tra Bosnia, Croazia e Italia – di Consigli per essere un bravo immigrato (Elliot, 2019) e di Dieci prugne ai fascisti (Elliot, 2016), che si riprenderà il filo del discorso.

L’attenzione ritorna così al confine orientale, con un focus inevitabilmente incentrato sul conflitto in Ucraina visto attraverso la lente delle scritture delle donne.

I confini che varcano le scritture sono anche quelli che dovrebbero separare le diverse forme di arti e performatività. Si approfondirà l’agire artistico di Maria Proshkovska presente a Bologna grazie a un progetto di residenza artistica del Mambo, il reportage giornalistico di Alessandra Coppola e la scrittura di finizione di Ivana Sojat.

“E.lette è una rassegna che riporta al centro la capacità di lettura e produzione simbolica delle donne sul presente – racconta Samanta Picciaiola, presidente dell’Associazione Orlando – Attraversando i conflitti e declinando i desideri e.lette si pone all’interno di un sistema culturale ancora fortemente caratterizzato dalla scarsa visibilità delle molteplici soggettività che scrivono e agiscono con l’intento di rendere visibili le visioni altre sul mondo della produzione e della fruizione artistica.
e.lette legge la città in relazione con il mondo superando i confini e costruendo ponti che varcano le soglie del consueto.”

Le tre ospiti di e.lette di quest’anno, la scrittrice croata Ivana Sojat, l’artista ucraina Maria Proshkovska e la giornalista italiana Alessandra Coppola, hanno esplorato, ciascuna con una personalissima declinazione espressiva, il senso dell’identità e del ruolo femminile là dove guerra, rimozione e minorità sembrerebbero maggiormente negarla.

Dando voce a chi spesso voce non ha, ci restituiscono una visione più complessa e completa della storia recente e del presente in cui siamo immersi.

Il programma di e.lette Bologna edizione 2022


Venerdì 17 giugno
Biblioteca San Giorgio di Piano 

Ore 21: Presentazione del libro “Segreti di famiglia” di e con Ivana Sojat (Voland edizioni)
Con la presenza del gruppo di lettura Falling Book
Modera: Samanta Picciaiola, presidente dell’associazione Orlando.

Sabato 18 giugno
Centro di documentazione delle donne Bologna 

Ore 21 : ‘Ukrainian feminist art during the war. 2014 – 2022’ / ‘L’arte femminista ucraina durante la guerra. 2014 – 2022’
Incontro con Maria Proshkovska e Sergey Kantsedal
Modera: Alessandra Sarchi
Interpretariato a cura di Giuditta Deconcini

Durante la serata su un muro esterno dell’edificio verrà proiettato il video On the blade di Maria Proshkovska, a cura di Giulia Pezzoli e Sergey Kantsedal, prodotto grazie a un’edizione speciale dedicata all’Ucraina del Programma di Residenze ROSE del MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna. 

Domenica 19 giugno
Centro di documentazione delle donne Bologna 

Ore 11,30: presentazione del reportage “Al posto di Maria” di Alessandra Coppola, con foto inedite di Pietro Masturzo.
In un remoto villaggio moldavo di confine, uomini soli ospitano donne e bambini ucraini nelle case che stanno costruendo per le mogli, colf e badanti all’estero.
Incontro con la giornalista Alessandra Coppola.
Modera: Valentina Millozz

Info

Bologna
venerdì 18, sabato 19 e domenica 20 giugno

E.lette: La lettura aumentata per un Safe Space intersezionale e itinerante
Direzione artistica Alessandra Sarchi

Per maggiori informazioni e dettagli sul programma di e.lette sul sito orlando.women.it

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

Leggi anche

Dal 22 Ottobre 2022 al 13 Gennaio 2023 il Museo Piaggio ospita "Le Icone del Made in Italy", in mostra una trentina di opere di Stefano berardino che dialogano con i prodotti Piaggio più celebri.
Questa edizione del Calendario Pirelli è stata dedicata dalla fotografa australiana Emma Summerton alle sue muse, alle molte donne che l’hanno ispirata e guidata nei percorsi e nelle scelte come artista e come persona. 
il 26 e 27 novembre e 3 e 4 dicembre i giardini seicenteschi dell'Uccelliera e della Meridiana della Galleria Borghese saranno aperti ai visitatori del museo.
Fino al 19 febbraio 2023, The Horror Show! alla Somerset House di Londra offre un viaggio nel ventre della psiche culturale britannica con oltre 200 opere degli artisti più provocatori.