PAOLO VERONESE Lucrezia (1580-1583 ca)
Il potere della bellezza

Tiziano e l’immagine della donna nel ‘500 veneziano

Tempo di lettura: 4 minuti

Dal 23 febbraio al 6 giugno 2022 è aperta nelle sale del pianterreno di Palazzo Reale a Milano la mostra dedicata a Tiziano e alla rappresentazione della donna nella pittura veneziana del Cinquecento. 

Si tratta di un’esposizione imponente che conta circa cento opere preziosissime – di Tiziano e di artisti come Giorgione, Lotto, Tintoretto o paolo Veronese – portate a Milano grazie al contributo di musei e collezionisti di tutta Europa, il Kunsthistorisches Museum di Vienna, la co-produzione di SKIRA e Comune di Milano, la Fondazione Bracco come Mainpartner.

A Venezia nel Cinquecento l’immagine femminile acquista un’importanza mai vista prima nella storia della pittura. Questo è dovuto a vari fattori, quali la presenza di Tiziano e di altri artisti operanti in laguna e in terraferma, particolarmente interessati alla bellezza muliebre, ma anche, parallelamente al particolare status che le donne avevano nella società veneta.

Tiziano dedica alla donna una parte considerevole della sua straordinaria opera: soggetto di un ritratto, amata raggiungibile o irraggiungibile, promessa sposa o consorte, eroina o santa, dea o ninfa prescelta dagli dèi, riluce sempre gloriosa, altera, a volte così incantevolmente bella da suscitare imbarazzo ad alcuni osservatori maschi.

“…una nuda che faria venir il diavolo addosso al cardinale San Sylvestro…” scritto da Monsignor della Casa a proposito del dipinto della Danae di Tiziano 1545 ca.

  • TIZIANO e bottega Danae, post 1554  Olio su tela, 135x152 cm Vienna, Kunsthistorisches Museum
  • 4-TIZIANO-Madonna-con-Bambino-1510-1511
  • TIZIANO Tarquinio e Lucrezia, 1570-1576 Olio su tela, 114x100 cm Vienna, Akademie der bildenden Künste
  • TIZIANO  Lucrezia e suo marito, 1515 circa   Olio su legno di pioppo, 82x68 cm Vienna, Kunsthistorisches Museum
  • TIZIANO Isabella d’Este in nero, 1534-1536 circa   Olio su tela, 102,4x64,7 cm Vienna, Kunsthistorisches Museum
  • TIZIANO Ninfa e pastore, 1570-1575 circa Olio su tela, 149,6x187 cm Vienna, Kunsthistorisches Museum
  • TIZIANO  Venere Marte e Amore, 1550 circa Olio su tela, 97x109 cm Vienna, Kunsthistorisches Museum
  • TIZIANO Giovane donna con cappello piumato, 1534-1536 circa Olio su tela, 96x75 cm San Pietroburgo, Museo dell’Hermitage
  • TIZIANO e bottega  Maria Maddalena, 1565 circa Olio su tela, 114x99 cm Stoccarda, Staatsgalerie Stuttgart
  • TIZIANO Ritratto di giovinetta, 1545 circa Olio su tela, 84,5x73 cm Napoli, Museo Nazionale di Capodimonte
  • PAOLO VERONESE  Lucrezia, 1580-1583 circa Olio su tela, 109,5x90,5 cm Vienna, Kunsthistorisches Museum
  • TINTORETTO Susanna e i vecchioni, 1555-1556 circa Olio su tela, 146x193,6 cm Vienna, Kunsthistorisches Museum
  • BERNARDINO LICINIO Ritratto di donna che scopre il seno, 1536 Olio su tela, 83x65,5 cm Bergamo, collezione privata
  • PALMA il Vecchio Giovane donna in abito blu, post 1514 Olio su legno di pioppo, 63,5x51 cm  Vienna, Kunsthistorisches Museum
  • GIORGIONE Laura, 1506 Olio su tela su legno di abete, 41x33,6 cm    Vienna, Kunsthistorisches Museum
  • PARIS BORDON Venere e Adone (?), 1560 circa Olio su tela, 115x131 cm Vienna, Kunsthistorisches Museum

Nel corso del ‘500 si assiste in tutta Europa a un’erotizzazione delle arti ma forse in nessun’altra epoca e nessun altro luogo come a Venezia la bellezza femminile è stata celebrata e idealizzata. Il più delle volte si tratta di una bellezza senza nome, perché il ritratto femminile delle nobildonne mal si sposava con il sistema oligarchico della Serenissima, che non vedeva di buon occhio il culto della memoria. I celebri ritratti principeschi di Tiziano sono infatti legati a personalità europee, come Isabella d’Este, e legate all’uso di ritrarre le principesse per avviare le trattative matrimoniali tra le corti.

Tuttavia, attraverso il percorso espositivo – tra le immagini d’amori divini e allegorici – si tratteggia l’esistenza di una “questione femminile” e l’inizio della querelle des femmes che vede particolarmente attive le intellettuali veneziane, con sfumature possibili solo grazie al sistema giuridico della Serenissima, fondato su diritti/doveri (economici) che potevano creare una gabbia alla libertà personale ma anche offrire straordinarie possibilità di carriera. Nel corso del Cinquecento le donne entrano in numero significativo nel mondo letterario e acquisiscono una formazione umanistica grazie a genitori illuminati ma raramente le donne sposate riescono a dedicarsi alla cultura: molte letterate, infatti, restano nubili, vedove o cortigiane.

L’esposizione milanese presenta l’immagine della donna attraverso tutte le tematiche possibili e, parallelamente, mette a confronto gli approcci artistici individuali di Tiziano con gli altri pittori del tempo, affrescando il mondo femminile in un contesto generalmente poco conosciuto dal pubblico, quello di una Venezia cosmopolita aperta e dinamica.

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

Leggi anche

Riso Venere con gamberi in agrodolce

Il riso Venere con gamberi in agrodolce è un’insalata di riso raffinata, da offrire in qualsiasi raduno estivo come antipasto in bicchieri minuscoli o come piatto unico.

Baleari: un’isola per ciascun carattere

Le quattro Isole Baleari – Maiorca, Minorca, Ibiza e Formentera – sono una méta turistica paradisiaca. Ecco l’identikit di 4 tipologie di viaggiatore, uno per ciascuna Isola dell’arcipelago.