Mirabilia / Podcast #7

Mary Anning, la cacciatrice di fossili

Tempo di lettura: < 1 minuti

Mary Anning è la più grande cacciatrice di fossili della storia e anche una delle figure meno conosciute della paleontologia in rapporto alle sue incredibili scoperte. Il fatto che fosse una donna non è una variabile da poco nel fatto che sia stata quasi cancellata dai libri di storia.

Se entriamo nel Museo di Storia Naturale di Londra, che per molti versi si può considerare il tempio della paleontologia mondiale, e andiamo nella sezione dei fossili di animali marini, ad un tratto ci troviamo davanti un esemplare enorme, perfetto, impressionante.
È un Plesiosauro, per la precisione un Rhomaleosauro di 5 metri di lunghezza, che distende sulla parete a cui è appeso le sue grandi zampe a forma di pinna e il suo lungo, lunghissimo collo, in cima al quale troneggia una testa che sembra quella di un drago, come fosse la punta di una gigantesca freccia.
C’è una targhetta in basso a sinistra, con una immagine. Rappresenta una donna con un lungo vestito verde bordato di rosso, una cesta al braccio e un martello in mano. È la donna che lo ha scoperto: Mary Anning, la più grande cacciatrice di fossili della storia, e anche una delle figure meno conosciute della paleontologia in rapporto alle sue incredibili scoperte. Siamo agli inizi del 1800.

Ascolta la sua storia nel podcast

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

SCRITTO DA

Leggi anche

Sabato 28 gennaio 2023 alle ore 18, a Palazzo Vizzani, apre al pubblico la mostra And We Thought III, progetto che indaga principalmente il concetto di autorialità: può un’intelligenza artificiale generare arte?
È il 4 dicembre 1953. C’è un uomo, con un vestito scuro, che corre nei campi vicino alla stazione ferroviaria di Alessandria. Scopri la storia di Eugenio Gaggiotti.
Monarca dei record, sovrana di stile, ultima vera icona pop del nostro tempo che ha ispirato serie televisive, film, canzoni e opere d’arte, Sua Maestà la Regina Elisabetta II è protagonista della mostra "Lilibet. The Queen", promossa dal 19 gennaio al 20 febbraio 2023 da Agostino Art Gallery di Milano.
Questa è la storia di uno dei più grandi disastri della Liguria, avvenuto il 13 agosto 1935, quando il lago artificiale di Ortiglieto, sulle alture di Molare, tracimò a seguito di piogge torrenziali di incredibile portata, sfondando un muraglione di appoggio e disintegrando una montagna, per poi abbattersi a valle con una violenza inaudita. È una storia speciale che i nonni raccontano ancora ai nipoti, sulle montagne dell’Appennino, e che ha lasciato una ferita mai rimarginata nella valle del fiume Orba.