Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Il Bello dell’Orrido a Bellano

Mario Botta racconta Giancarlo Vitali

Tempo di lettura: 3 minuti

Mario Botta, nel luglio 2007, in Ritratti di pollame, carne, rose e girasoli scrisse a proposito di Giancarlo Vitali:

Il mondo in una stanza. La pittura vissuta come forma di vita, come esperienza totale, espressione di una tensione critica, testimonianza del proprio essere uomo al cospetto di altri uomini; poi il gesto pittorico come necessità ineluttabile come il ritmo continuo del proprio respiro; Giancarlo Vitali, un pittore che trova pace solo attraverso il farsi dell’opera dipinta. 
Gli spazi che hanno visto modellarsi questa condizione esistenziale si svelano a Bellano, sul lago di Lecco, all’interno di una casa severa e compatta che si allinea sul fronte lago. Vi si legge, in questi spazi, un’osmosi ormai rara fra la condizione quotidiana dell’abitare e quella dell’attività di lavoro propria dell’artista
Nei differenti locali che si snodano ai piani superiori, fino all’atelier situato all’estremità della casa non vi è interruzione di continuità fra i segni della vita di ogni giorno e quelli legati all’attività del dipingere; la luce è quella della penombra filtrata dalle persiane appena accostate; gli spazi, le suppellettili, i mobili e i quadri alle pareti raccontano del trascorrere del tempo lungo una vita scandita dagli affetti familiari. 
La casa dove risiede Vitali si presenta al visitatore come uno spaccato di immagini del suo percorso, mediato dalla pittura come necessità per affermare il senso del proprio esistere. (…)

Sono certo che l’umanità di quello sguardo di artista interpreta anche il mio sentimento, malgrado la distanza dei nostri mondi e il mio affannato correre continuo dentro la pochezza di ogni giorno. 
A cosa serve un pittore? Forse semplicemente a permetterci di riconoscerci come parti di quei tratti, di quei colori.
C’è da rabbrividire di fronte ad alcuni affondi pittorici penetrati nelle pieghe più nascoste delle figure, nei lineamenti dei volti e dei corpi, nella struttura della materia, nel dolore della carne.
Vitali dipinge emozioni nelle quali ci identifichiamo; forse per questo la sua contiguità rispetto al territorio ci appare amica, forte e presente molto più che in altri pittori.
L’universalità di Vitali risiede nel suo saper essere locale; gli anticorpi maturati dentro questa sua terra gli permettono un disincanto etico rispetto alle contraddizioni proprie dell’uomo di oggi, nello smarrimento esistenziale che stiamo vivendo agli albori di questo nuovo secolo. La pittura come redenzione possibile, come antidoto all’appiattimento, alla banalizzazione e alle lusinghe del mondo dei consumi e dell’effimero; anche questa é una riflessione che offre l’opera dell’artista.

Poi, dentro il lavoro disciplinare affascina quel suo tratto pittorico rapido e felice, maturato attraverso il paziente ostinato lavoro di un grande disegnatore che riesce a trasformare la stesura delle superfici cromatiche in luci ed ombre tali da dar vita a nuove invenzioni. (…)

La pittura di Vitali dentro il suo naturale territorio storico-geografico invita coloro che ancora possiedono, il sentimento e l’umiltà dello sguardo non solo a “guardare” ma anche a “vedere” e a lasciarsi coinvolgere da nuove emozioni: la pittura, in totale simbiosi con la propria storia, trova in quel paesaggio e in quella luce una nuova pace dentro la trama della tela, un fiore appena velato ai nostri occhi da una struggente malinconia”.

Mario Botta torna a Bellano, “il paese del pittore” su invito di Armando Besio per Il Bello dell’Orrido, incontri d’autore vistalago, per parlare nuovamente di Giancarlo Vitali.

Sabato 25 gennaio, ore 18, al Cinema di Bellano.

IL BELLO DELL’ORRIDO è una serie di incontri con gli autori sul tema-ossimoro ispirato al famoso Orrido di Bellano, paese affacciato sul lago di Como.
La rassegna, ideata da Armando Besio, è organizzata da  ArchiViVitali in collaborazione con il Comune di Bellano, è realizzata grazie al sostegno di: La Scala . Orrido diBellano . Torneria Automatica Alfredo Colombo .
Scopri gli incontri in calendario per il 2020.

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

SCRITTO DA