Mirabilia / Podcast #13

Il Bucintoro di Amedeo

Tempo di lettura: < 1 minuto

Siamo a Burano, è il 1730.
Mastro Antonio, il più esperto dei maestri d’ascia della laguna, guarda lo scafo ancora grezzo di una peota di 16 metri.

La peota è una barca molto comune in Adriatico, si usa per pescare o per piccoli spostamenti lungo la costa. Non è una barca da mare aperto, ma è solida, robusta, col fondo abbastanza piatto, ha una piccola vela ma è pensata per essere condotta a remi, e può sostenere grandi carichi senza imbarcarsi.

Per questo, a Venezia, si usa addobbare le peote come navi di lusso per le regate, per mostrare a tutti la potenza e la grazia della Serenissima.

Alla fine, lo scafo è pronto, costa solo 240 lire, più 250 di ferramenta inclusa l’ancora.
Con 300 lire, a quel tempo, potevi comprare un palazzo di due piani, a Torino. E questo è solo il principio. All’inizio del 1731, l’imbarco grezzo viene portato a Venezia, in Rio dei Mendicanti, nello “Squero di padron Zuanne”, per la parte più difficile e meravigliosa.

Matteo Calderoni, uno scultore di fama, fa un modello in cera delle decorazioni, che dovranno incutere timore, rispetto e meraviglia lungo tutte le rive del Po.

Si tratta del Bucintoro del Re Amedeo di Savoia, una delle più soprendenti opere navali e artistiche prodotte in Italia, e questa è la sua storia straordinaria.

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

SCRITTO DA

Leggi anche

Il desiderio è il tema della III°edizione di (un)fair, in programma dall’1 al 3 marzo 2024 al Superstudio Maxi di Milano. Ecco cosa non perdere.
Partiamo alla scoperta di una iconica serie TV dei primi anni '80, e di tutto il mondo dietro le sue quinte.
Pianifichi un’escursione romantica nel capoluogo lombardo? Ecco dieci (e più) cose romanticissime che puoi fare ma spendendo pochissimo.
Non esiste, per il bibliofilo, un piacere maggiore di quello che si prova sfogliando le pagine del bestiario curato da Domitilla Dardi e pubblicato da 24 ORE Cultura