Kartell Eyewear – Occhiali da Archistar

Design: guardare con occhi nuovi

Tempo di lettura: 4 minuti

Cosa succede quando un brand innovativo del mondo del design – come Kartell – decide di debuttare nel mondo eyewear?

Lo fa alla grande, con 100 modelli firmati dalle più grandi archistar: Rodolfo Dordoni, Ferruccio Laviani, Piero Lissoni e Fabio Novembre sono i designer chiamati a interpretare la Design Collection in cui ciascuno ha portato la sua personale visione, nel pieno rispetto identitario di Kartell.

Effetti geometrici e trasparenze per occhiali da collezionare

Il materiale è protagonista in questa nuova linea di occhiali, come per ogni altra collezione di Kartell.

Protagonisti sono la trasparenza che conferisce eleganza e carattere all’accessorio moda – più soft nella versione Main, più accentuato nella versione firmata dai designer – e il metallo, impiegato da solo o unito a materiali plastici. Le finiture sono lucide o soft touch. Devi solo scegliere.

Occhiali in materiale green

La ricerca e l’impegno di Kartell per la sostenibilità prosegue anche nel mondo degli occhiali con KartellBio, un acetato ecosostenibile che nasce dal cotone e dalle fibre pregiate del legno, utilizzato sulle montature e che rientra a pieno titolo negli obiettivi del manifesto “Kartell loves the planet”.

“Kartell da sempre lavora guardando al futuro e alle innovazioni nei materiali, nei processi produttivi, ma anche nei segmenti di prodotto tangenziali al mondo arredo – commenta Lorenza Luti, Direttore marketing e Retail di Kartell. […] Le collezioni, infatti, mutuano la trasparenza, materia simbolo del design Kartell per molte delle proposte, unita alla continua ricerca di nuovi materiali sostenibili come KartellBio, un materiale green che abbiamo applicato per la prima volta a questo progetto e che risponde alla scelta di sostenibilità portata avanti ormai da diversi anni, ma utilizza anche il metallo, nel rispetto della tradizione dell’occhialeria”.  

Rodolfo Dordoni, Ferruccio Laviani, Piero Lissoni e Fabio Novembre sono i designer per la collezione di occhiali Kartell

Quattro progetti speciali per la Design Collection. Kartell affida a quattro designer d’eccezione il compito di esprimere la loro personalità e la creatività, dando vita così a 32 modelli che completano la Main Collection.

SEGMENTI di Ferruccio Laviani

La collezione trae ispirazione da un’idea personale di creatività per una proposta caratterizzata da una raffinata finitura soft touch che, grazie allo stampaggio a iniezione, sa essere semplice, estremamente leggera e dal design senza tempo.

“Utilizzo gli occhiali da quando sono ragazzo e quindi ho iniziato il progetto pensando a come avrei voluto degli occhiali da indossare; me li sono immaginati composti da semplici elementi come cerchi o linee e proprio da questi pezzi che ne caratterizzano la montatura è stato spontaneo chiamarli Segmenti…” _Ferruccio Laviani

SEGMENTI / Ferruccio Laviani

EYELINER di Piero Lissoni

Una linea colorata essenziale e leggera che segna il contorno occhi è il tratto distintivo della collezione che incornicia lo sguardo e lo accende grazie a colori che non passano inosservati.

“Quando disegno un oggetto spesso preferisco togliere qualsiasi sovrastruttura, anche in questo caso ho voluto lavorare su una forma senza tempo, lasciando gli occhiali alla loro semplicità. L’unica cosa che abbiamo aggiunto è un segno colorato, una linea leggerissima che segue questa forma quasi archetipica connotandolo come un prodotto Kartell”. _Piero Lissoni

EYELINER / Piero Lissoni

SHIELD e LINE K di Fabio Novembre 

Si ispira alle forme degli specchi creati da Anna Castelli Ferrieri per realizzare due collezioni dalla forte personalità. Le proposte giocano con i colori in cui le montature si abbinano alle lenti con un effetto tono su tono.

“SHIELD è uno scudo che scherma lo sguardo, inducendo chi ci osserva a specchiarsi nella cornice opaca di un occhiale i cui dettagli ricordano il tocco sapiente di Anna Castelli Ferrieri. 

LINE K è una linea di forza che sottolinea il segno grafico delle sopracciglia, disegnando un ponte lucido che sorregge le lenti a sbalzo davanti agli occhi. I colori del cielo, della terra, della natura e delle tenebre dipingono lenti e montatura sempre in coppia”.  _Fabio Novembre

SHIELD – Fabio Novembre
LINE K / Fabio Novembre

LOO-K di Rodolfo Dordoni

Una collezione che già dal nome rimanda a forme tondeggianti e sinuose che si adattano al volto con materiali a contrasto e colori che si ispirano alla tradizione classica ma che conferiscono un segno distintivo particolare all’accessorio.

“Dell’epoca nella quale sono cresciuto, una delle immagini che mi sono rimaste impresse era lo sguardo di uno dei personaggi dei fumetti che riempivano il nostro tempo e la nostra fantasia. Ritagliato in un passamontagna nero quello sguardo diventava l’elemento, l’unico, che dichiarava tutta la personalità del personaggio. Oggi nuovamente compare nel nostro tempo, diversamente ma sempre ugualmente espressivo. Grazie ancora a quello sguardo”.  _Rodolfo Dordoni

LOO K / Rodolfo Dordoni

Main Collection

Comprende 68 modelli declinati in collezioni da sole e da vista, frutto di una ricerca sulle forme, sulle finiture e sui materiali che coinvolge anche l’utilizzo del materiale bio e un’innovazione tecnologica nella tecnica di stampaggio a iniezione.

Kartell Eyewear

In qualità di Affiliato Amazon riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei

SCRITTO DA

Leggi anche

Dal 22 Ottobre 2022 al 13 Gennaio 2023 il Museo Piaggio ospita "Le Icone del Made in Italy", in mostra una trentina di opere di Stefano berardino che dialogano con i prodotti Piaggio più celebri.
Questa edizione del Calendario Pirelli è stata dedicata dalla fotografa australiana Emma Summerton alle sue muse, alle molte donne che l’hanno ispirata e guidata nei percorsi e nelle scelte come artista e come persona. 
il 26 e 27 novembre e 3 e 4 dicembre i giardini seicenteschi dell'Uccelliera e della Meridiana della Galleria Borghese saranno aperti ai visitatori del museo.
Fino al 19 febbraio 2023, The Horror Show! alla Somerset House di Londra offre un viaggio nel ventre della psiche culturale britannica con oltre 200 opere degli artisti più provocatori.