Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Perché affidarsi agli esperti

I vantaggi di una ristrutturazione chiavi in mano

Tempo di lettura: 3 minuti

Uno dei trend più evidenti del 2020 è stato il desiderio di ristrutturare la propria abitazione.

I moventi per affrontare un lavoro così delicato sono due, uno psicologico e uno pratico, dettati entrambi dal fatto che, a causa della pandemia, siamo stati molto più a lungo tra le mura domestiche.

Dal punto di vista psicologico, abbiamo cominciato a soffermare l’attenzione su quelle migliorie che fino a poco tempo fa rientravano nella categoria del prima o poi lo faccio, sempre rimandate a data da definirsi perché tanto, non sono mai a casa.

Dal punto di vista pratico, invece, una maggiore diffusione dello smart working ha reso oggettive alcune necessità di ridistribuzione degli spazi, fino a stravolgerne completamente la destinazione d’uso.

La ristrutturazione di una casa resta, tuttavia, un momento molto delicato anche quando si è ormai convinti ad affrontarla.

Rivolgiamoci ad un general contractor esperto

Prima di dare il via a una ristrutturazione è necessario parlare con un esperto e possibilmente rivolgerci ad un general contractor che permette di svolgere i lavori nel modo più semplice, poiché questa figura si occupa di gestire l’intero processo in modo professionale, evitando disagi dovuti alla necessità di risolvere imprevisti e valutare aspetti tecnici lontani dalla nostra competenza.

Ad esempio, nell’area di Bolzano e Merano e in generale in Alto Adige, Idea Casa Plan può fornire una consulenza completa e gratuita sulla fattibilità delle nostre idee, preoccupandosi poi di avviare un cantiere per una realizzazione chiavi in mano, occupandosi di ogni dettaglio e presentandosi come interlocutore unico, dalla progettazione alla consegna al termine dei lavori.

Per avvantaggiarsi di una ristrutturazione chiavi in mano, infatti, è meglio affidarsi a una società che fa capo ad un team multidisciplinare composto da architetti, ingegneri e artigiani che eseguono materialmente i lavori e coordinati da un unico referente, responsabile di ogni fase.

Ansia da ristrutturazione: la spesa

Affidandoci a un general contractor abbiamo alcune certezze tra cui quella della migliore gestione del nostro budget che sarà suddiviso, in maniera certa e professionale, tra costo dell’impresa e costo delle forniture, senza il rischio di sforare. Potendo concordare ogni minimo dettaglio in fase progettuale potremo vivere tutto il periodo della ristrutturazione con massima serenità, senza il rischio di spiacevoli sorprese. Tuttavia, un grosso errore da non fare mai è cambiare idea all’ultimo momento e scombinare l’organizzazione ben rodata del professionista a cui ci siamo rivolti.

Quando finiranno i lavori?

Le tempistiche incerte possono essere una grande fonte di preoccupazione. In un preventivo, deve essere presente anche la durata approssimativa dei lavori. Nel calcolo di quest’ultima, non deve essere trascurato nessun dettaglio, tenendo in considerazione le quattro fasi canoniche di una ristrutturazione: lo studio di fattibilità, la realizzazione del progetto, la realizzazione dei lavori e la consegna della documentazione a lavoro terminato. Quindi, affidandoci alla gestione di un general contractor sappiamo sia quando cominciamo quest’avventura sia quando essa terminerà, con un lieto fine.

Fai da te? Nemmeno per sogno

C’è chi desidera occuparsi in prima persona alla gestione della ristrutturazione della propria casa ma – nonostante l’idea possa essere avvincente – non è la soluzione migliore se non si vuole perdere il sonno tra il coordinamento delle diverse figure, la necessità di controllare che tutto vada secondo i piani, il rischio tangibile di allungare i tempi e quello d’incorrere in spiacevoli incidenti legati al dilettantismo, come vedere lievitare i prezzi perché si commettono errori in corso d’opera. Ogni cantiere può avere piccoli e grandi problemi. Pur studiando a fondo il progetto, può capitare di trovare qualcosa di inaspettato ma il nostro professionista del chiavi in mano  è colui che, avendo la responsabilità di tutto l’iter, troverà le soluzioni adeguate in tempi rapidi, senza gravare sul budget stabilito inizialmente.

Chiavi in mano, una garanzia

Oltre agli aspetti pratici relativi alla ristrutturazione, chi ci riconsegnerà la nostra abitazione ristrutturata ha un ruolo di responsabilità su tutto il lavoro realizzato e sui materiali utilizzati. Non solo assicura un risultato a regola d’arte ma è tenuto anche a fornire le certificazioni di conformità dei lavori eseguiti, garantendoli secondo le normative vigenti.

Cosa fare per avere una ristrutturazione su misura

Per essere certi che la ristrutturazione avvenga esattamente secondo le nostre aspettative, dobbiamo valutare se la società che ci presterà l’opera possiede una buona capacità di ascolto: solo se avranno dedicato abbastanza tempo a capire le nostre necessità, saranno in grado di sviluppare un progetto soddisfacente. Prepariamoci, quindi, a saper rispondere a tante domande (anche tecniche) sullo stato dell’immobile ma anche ad essere estremamente chiari nell’esporre i nostri desideri.

Photo by Sidekix Media on Unsplash