articolo sponsorizzato

Look impeccabile e bellezza naturale

Come scegliere la tonalità perfetta del fondotinta

Tempo di lettura: 3 minuti

Ecco i nostri consigli per scegliere la tonalità del fondotinta perfetta

Hai davanti una grande serata, hai già pensato a come abbinare gli ombretti agli abiti che indosserai e hai scelto il rossetto. Manca solo il fondotinta. Ma come facciamo a scegliere quello perfetto tra i vari colori e le texture presenti sul mercato? Ecco per te i segreti per trovare la tua tonalità ideale, una guida completa per ottenere un look impeccabile e naturale.

Tono e sottotono per conoscere la tua pelle

Trovare il fondotinta perfetto non è così semplice come potrebbe sembrare.

Per prima cosa bisogna capire quale colorazione si sposa meglio con il tuo incarnato: commettere un errore in questa fase potrebbe portarti a uscire di casa con uno strano colorito giallo o bianco, rispetto a quello che è il tuo aspetto. In questo modo il fondotinta finirebbe per risultare innaturale.

La cosa più importante da tenere a mente quando ti trucchi è questa: il makeup serve a esaltare la tua naturale bellezza, la tua unicità, non a trasformarsi in un’altra persona. Ecco perchè il fondotinta perfetto dovrebbe fondersi con la tua pelle, diventando invisibile.

Per ottenere questo devi conoscere il tono e il sottotono. Ma cosa sono? Il tono si occupa di stabilire l’intensità della tua carnagione, che può essere scura, media o chiara. Il sottotono invece si occupa di stabilire se la temperatura della pelle è fredda, neutra o chiara. Quest’ultima caratteristica è sempre la più difficile da individuare: il campo dell’armocromia ha dedicato studi molto precisi e metodici. Per semplificare le cose, noi diremo che se le tue vene tendono al blu, allora la tua carnagione sarà fredda. Se le tue vene invece sembrano verdi, avrai carnagione calda.

La texture della pelle influenza il fondotinta

Il colore e l’intensità della carnagione non sono gli unici parametri da considerare, nella scelta del fondotinta. Anche la texture e la consistenza della nostra pelle hanno il loro peso.

Generalmente, la pelle può essere secca, grassa, mista o matura e, a seconda della tipologia, ha necessità diverse. Per esempio, le pelli secche hanno bisogno di formule idratanti, luminose e leggere. Tendenzialmente non hanno problemi di brufoli o imperfezioni da dover mascherare, quindi non necessitano di una coprenza estrema. Su questo tipo di pelle i fondotinta troppo pesanti risulterebbero eccessivi.

Con la pelle mista o grassa invece si ha il problema opposto: un eccesso di sebo che occlude naturalmente i pori, creando rossori e brufoli. Per le pelli di questo genere è sempre consigliabile dei fondotinta opachi che tengano a bada l’oleosità e che coprano le discromie.

Dalla teoria alla pratica

Fatte le tue considerazioni, è arrivato il momento di scegliere a livello pratico il prodotto. A questo punto ci sono due strade: una più convenzionale e una più smart.

Il modo più intuitivo per capire quale fondotinta utilizzare sul nostro incarnato è andare direttamente in negozio a provarlo. Applica una goccia di prodotto sul viso, trascinandolo con le dita dal mento fino al collo: se non noterai alcuna differenza cromatica, avrai trovato quello che stai cercando.

Non tutti però hanno il tempo o la voglia di andare in negozio per una prova pratica: in questo caso si potrà optare per un metodo più smart. La soluzione che fa al caso tuo è semplice e innovativa: prova il trucco virtuale online, uno dei comodi ed efficaci servizi messi a disposizione per i clienti sul sito di L’Oréal Paris.

Si tratta di un metodo intuitivo per vedere subito il risultato che il fondotinta avrà sulla tua pelle: ne resterai entusiasta.

Ora che conosci tutti i segreti per scegliere la tonalità perfetta del fondotinta, cosa aspetti? Preparati a brillare quest’estate con una base naturale impeccabile.

Leggi anche

Tra nevrosi, proiezioni e costruzione dell'identità, cercheremo di capire come funziona la paura. Questo processo incontrollabile e profondo, che può salvarci la vita ma anche rendercela impossibile.
Fino al 20 ottobre 2024, il Museo Archeologico Regionale di Aosta ospita la mostra "Artenumero: Gli artisti e il numero tra XX e XXI secolo". Uno sguardo unico sull’arte degli ultimi sessant’anni attraverso l’uso del numero.
Un nuova fragranza per ambienti creata da Salvina D’Angelo, ispirata ai profumi del Parco Nazionale del Gran Paradiso.
La storia del blu è una storia relativamente recente, e inizia nel cuore del medioevo. E prima?