La questione dei trend di stagione s’è fatta davvero complicata: dobbiamo sempre cedere a quello che ci dicono andrà di moda o esiste ancora la libertà di scelta? Sicuramente è passato il tempo in cui a dettare moda erano solo le passerelle e le riviste di settore, e si può dire, senza paura di essere smentite, che “street style is the new Vogue”, dove per street style si intende, ovviamente, anche la moda vista su blogger e influencer. La scelta più sensata? In medio stat virtus, ovvero non demonizzare fast fashion e trend per partito preso e mixare gli stili per ottenere il risultato che meglio ci rappresenta.

Questa primavera/estate ci tocca, allora, fronteggiare l’invasione dei marsupi e delle scarpe sportive grosse e ingombranti. Da Gucci e Vuitton l’imperativo e tirare fuori i 90’s che sono in ognuna di noi, allacciare il marsupio in vita ( o metterlo a tracolla come nel caso della versione grande Miu Miu), jeans, ugly trainers, come le chiamano “amorevolmente”, e l’outfit alla moda è completo. Eppure non è fatta solo ritorni discutibili la moda di quest’anno, il materiale per costruirsi un guardaroba primaverile-estivo comodo, colorato e anche un pizzico nostalgico c’è tutto, basta solo interpretare i diktat modaioli nel modo giusto. Lasciamo i marsupi e le sneaker massicce a chi le ama e le vuole portare e tuffiamoci nelle 5 alternative secondo Cosebelle.

Stile sportivo

Chi l’avrebbe mai detto che le felpe avrebbe avuto il loro momento di gloria tra i trend dell’anno? Dai brand di lusso (Saint Laurent per esempio) a quelli più accessibili, tutte le nuove collezioni propongo felpe con loghi più o meno evidenti, con o senza cappuccio, con stampe vistose o monocolore. Il taglio è  sempre rigorosamente comodo, ma c’è sempre un particolare che rende la felpa unica. Per esempio in questo modello di Esprit che si affida al total black e ne reinventa il collo rendendola una perfetta via di mezzo tra training puro e casual da città. E le sneaker? Beh loro, le perfette compagne dello stile sportivo, non tramontano nemmeno in questo 2018, men che meno quando anche i grandi brand del lusso si arrendono alle versioni più massicce e discutibili, dalle inconfondibili suole spesse e sagomate. Accogliamo a braccia aperte, allora, come alternativa necessaria il ritorno imperioso delle sneaker bianche (in tela o pelle) con i jeans, con pantaloni di taglio elegante, con un blazer, con il giubbotto di pelle. Non di sola palestra vive lo stile sportivo.

Fiori, piante e rosa cipria

È davvero primavera senza i colori pastello? Un trionfo di giallo tenue, celeste, ma soprattutto lui, il rosa. Meno bubble gum e più rosa cipria, il nuovo nude, nelle scarpe, accessori, lingerie e felpe. La combo con ruches e volant potrebbe sembrare troppo, invece è sempre vincente, anche quando abbellisce le maniche di una t-shirt. Non accenna a perdere vigore nemmeno il successo delle stampe con piante, fiori e frutta, d’ispirazione tropical con l’Ananas in pole position, o più romantico con tappeti di fiori di campo e margheritine, ricamate o stampate.

Le scritte

Loghi ben in vista dicevamo prima, soprattutto se i brand in questione sono di lusso, ma una volta non era una esagerazione da evitare? Il dubbio è legittimo, ma per la primavera/estate 2018 state tranquille, va di moda. Per chi non ama questo trend la soluzione è semplice: rimangono le scritte, soprattutto sulle t-shirt, ma sono più che altro delle prese di posizione. Il “dillo con una maglietta” fa tendenza soprattutto quando il messaggio è potente, meglio ancora se legato alla femminilità e al femminismo.

Jeans e maglie morbide

Anche in primavera e estate il jeans, soprattutto nelle giacche, rimane un caposaldo del guardaroba alla moda. Lo sospettavamo visto il successo incredibile della trucker jacket imbottita, indossata da ragazzine, over 30 in gita domenicale sotto il primo sole o cantanti super alla moda. La versione primaverile, ovviamente, è chiara e leggermente oversize, meglio ancora se con piccoli ricami, strappi strategici o addirittura in colori pastello. Per il freschetto delle sere primaverili c’è l’alternativa maglieria, morbida e in cotone, spessa e traforata.

Picnic style

L’ultimo dei 5 trend da tenere d’occhio ha due elementi chiave: le righe e le borse in paglia. La prima cosa che viene in mente è il picnic, con le tovaglie righe sui prati verdi, le prime giornate di sole e le cose buone nei cestini intrecciati. Con un volo pindarico, allora, riportiamo il picnic style in camicie e gonne con righe multicolor orizzontali, verticali, oblique, intrecciate (o tutte e tre queste cose insieme come in questa gonna con motivo a righe Esprit) e abbinate borse a spalla e a tracolla di paglia da abbellire con foulard e pom pom.