SKY FERREIRA

Nell’immaginario collettivo, le cantanti donna tendono a ricadere più o meno sempre nelle solite categorie: ci sono le popstar mondiali che fanno video patinatissimi e perfetti, le ex-Disneyane ‘redente’, le leader kickass delle band, quelle un po’ cantautrici, quelle un po’ dj. E poi c’è Sky Ferreira che è un caso a parte. Sky è quel fenomeno di ragazza che sta a metà tra copertina di Vogue e stile di vita vagamente ‘Trainspotting’. Trasmette un’immagine che spazia dal ‘stellina del pop plasmata ad hoc dai publicist fin dall’adolescenza’ al ‘novella Courtney Love in tutto e per tutto’. è questo che la rende diversa ma che è anche un po’ la sua croce: non è una Katy Perry, non è una Kim Gordon, ha debuttato qualche anno fa con un classico teen pop all’americana, eppure i suoi amori musicali sono per lo più il grunge e lo shoegaze.

E non c’è da stupirsi di queste contraddizioni considerando il suo background musicale della ventunenne californiana. Viene scoperta a 15 anni grazie ai video pubblicati su Youtube in cui reinterpretava pezzi pop nella sua cameretta, tra cui una splendida versione di Animal dei Miike Snow. Il difficile è quando si ritrova, da ragazza introversa, ribelle e innamorata di Kurt Cobain, davanti a manager pronti a stravolgere la sua immagine e fare di lei la prossima Britney, una reginetta del pop dell’era myspace. E quando iniziano pure i media-training su come comportarsi, cosa dire e non dire, Sky non apprezza. Escono tre EP, singoli accompagnati da video in convenzionalissimo stile ‘bad girl americana’ e soprattutto l’ottima Everything is embarassing. Ma tutto in costante conflitto con l’etichetta discografica, per cui, probabilmente, dare libertà artistica ad una teenager equivaleva ad una sicura catastrofe. Citando la Ferreira: ‘Mi sono fatta la reputazione di essere una persona difficile, ma questi uomini cinquantenni volevano venirmi a dire come si fa ad essere una donna’

Sky Ferreira

Credits: The FADER.

Solo dopo infinite controversie e cambi di direzione musicale, la ragazza decide di presentare il suo primo album ‘Night Time, My Time’, uscito lo scorso novembre in America. Le recensioni sono generalmente positive: testi personalissimi (‘I blame myself’, ‘Ain’t your right’) un ottimo pop-rock con influenze elettroniche, e soprattutto un’etica artistica ammirevole. E nell’anno in cui il mondo non parla che di femminismo e Miley Cyrus (per cui tra l’altro Sky farà da support-act per il prossimo tour) la copertina a seno scoperto non poteva che generare infinite chiacchiere. Per questo Sky si sente in qualche modo compresa da Miley per quanto riguarda l’essere prese di mira dai media: entrambe sono state accusate di essere state ‘mercificate’ per vendere dischi, quando in realtà si trattava di una decisione personale e consapevole. ‘Avrei venduto molti più dischi mettendo in copertina una foto di me truccata e vestita carina piuttosto che in una doccia con l’aria di chi sta per uccidere qualcuno’.

Sky Ferreira

Credits: The FADER.

Una cosa è certa, è che Sky Ferreira è stata fino ad ora più nota per notizie da tabloid o rivista di moda che per la sua musica. La sua carriera da fotomodella non ha niente da invidiare ad alcune sue ’sorelle di stile’ come Cara Delevingne e Pixie Geldof: ha collaborato, tra gli altri, con Forever 21, H&M, Calvin Klein, Marc Jacobs, e Maison Kitsuné. Tutto ciò, unito al suo marchio di fabbrica delle grandi occasioni ‘rossetto rosso + capelli platino’, l’ha resa inconsapevolmente un’icona di stile dell’underground-chic. Abbastanza strano per una ragazza che trovava il mondo della moda bizzarro, eccessivo, e troppo photoshoppato, ed era diventata modella principalmente per pagarsi la carriera da musicista. Ora come ora, Sky è una ragazza perfettamente consapevole di aver raggiunto lo status di it-girl, ma per cui passerelle ed eventi mondani sono decisamente una parte decisamente poco importante della vita.

Sky Ferreira, Maison Kitsuné

Credits: Maison Kitsuné.

Nella caotica esistenza di Sky, il punto di riferimento sembra essere il fidanzato Zachary Cole Smith, leader della band underground newyorkese DIIV. Pure lui modello part-time, e dal look emaciato-grunge con cui potrebbe decisamente fare carriera nel settore. Lei e Cole hanno l’aria di due che sarebbero stati amichetti del cuore se si fossero incontrati alle scuole elementari, e non possono che sembrare i Kurt & Courtney della nostra generazione. Tra dichiarazioni d’amore in versione video lo-fi e maratone di Twin Peaks. Le hanno passate un po’ tutte, tra cui un arresto per infrazioni varie alla guida e possesso di ecstasy ed eroina, la cui notizia ha avuto un’attenzione mediatica che equivale più o meno a quella dedicata ai lavori musicali dei due messi insieme. Il caso ha avuto un grande impatto anche sul fragile equilibrio psicologico di Sky: dato il suo carattere molto emotivo e vulnerabile, ha faticato a riprendersi dal trattamento della polizia e dall’attacco nichilista dei media. È quello che colpisce di Sky Ferreira: sarà pure una giovane donna indipendente e talentuosa che ha posticipato un disco per anni solo per poter fare tutto a modo suo, ma è anche una ragazza emotiva e sbandata, che va in crisi quando a Cole – dall’altra parte del mondo – muore il telefono, e talmente legata alle sue canzoni da lasciarsi scappare qualche lacrima durante i concerti. Una ragazza come tante.

Sky Ferreira, Zachary Cole Smith

Credits: Sky Ferreira.