Apologie Paris - Cosebelle - 00

Gira e rigira, cerca e ricerca, quando si parla di scarpe c’è sempre e solo un posto dove si finisce: l’Italia. Non importa che il nome sia francese o che il designer sia uno di quelli usciti dalla Central Saint Martins, appena vai a vedere dove vengono materialmente prodotte le calzature non c’è niente di più normale che leggere il nome di una località italiana.

E’ il caso di Apologie, nome ed immagine dall’allure parigina e stile che trasuda l’essere francese da ogni fiocco, bottone e piccola borchia. Su queste scarpe si trovano tutti i dettagli dell’architettura parigina, delle facciate storiche del centro città ed il romanticismo del Rinascimento. I modelli fanno l’occhiolino agli anni ’60 e alle ballerine indossate da Audrey Hepburn, del resto la designer Olivia Cognet non nega che il suo ideale di femminilità ed eleganza è esattamente quello che era in voga in quegli anni. Olivia dimostra di sapere bene che ogni donna ama smisuratamente una tipologia di scarpa in modo immediato, e niente potrà farle cambiare idea: è per questo che ogni modello ha un nome di donna, e all’interno delle sue collezioni c’è un’offerta che varia dalle eleganti ma semplici ballerine ai tacchi 10 scintillanti.

La collezione Primavera-Estate 2013 (la seconda dal debutto del marchio) gioca con l’armonia tra colori e non-colori, semplicità e fronzoli, modernità e classicismo. Proprio come le antiche pasticcerie parigine alle quali si è ispirata Olvia Cognet. Il risultato sono delle calzature al di fuori di ogni tempo, eppure così ben inserite nel gusto contemporaneo.

 

Apologie Paris - Cosebelle - 02

Apologie Paris - Cosebelle - 01

Apologie Paris - Cosebelle - 09

Apologie Paris - Cosebelle - 07

Apologie Paris - Cosebelle - 08

Apologie Paris - Cosebelle - 06

Apologie Paris - Cosebelle - 08 Apologie Paris - Cosebelle - 07 Apologie Paris - Cosebelle - 09