UnePassante è un progetto musicale che ha preso molte forme nel tempo. Dagli inizi folk-rock del primo ep del 2008, passando per l’art-folk del primo lp (More Than One In Number, del 2010), lo scorso No Drama (2013) prende e decide di abbracciare il mondo dell’elettronica. Ma se in quel disco le atmosfere sintetiche di UnePassante erano ancora intrecciate a una grande varietà di timbri acustici ed elettronici, in Seasonal Beast, il disco in uscita il prossimo 27 gennaio, l’elettronica si impadronisce della scena e incornicia la voce di Giulia Sarno in un interplay tra diverse temperature emotive che canzone dopo canzone scopre nuovi volti, ora malinconici, ora aggressivi, dolci o aspri.

Siccome ogni tanto è bello avere delle cose in anteprima e addirittura poterle regalare, a questo link potrete trovare un brano in free download tratto dal nuovo disco di UnePassante: Cursed be the light.

Giulia lo racconta così: «Il primo titolo di Cursed be the light era Tristan und Isolde. Con la band la chiamiamo ancora così – o semplicemente Tristano. La canzone mette in scena l’ultima notte della leggendaria coppia di amanti, dipinta da Wagner nel duetto centrale del suo dramma omonimo. Più che l’ultima notte in generale, si tratta dei suoi ultimi istanti, quando l’alba fa già capolino, e Tristano cerca di fermarne la luce con le dita sulla finestra». La prospettiva però è quella di Isotta, che presagisce la tragedia imminente – suo marito re Marco infatti li scoprirà di lì a pochissimo – e in modo più o meno conscio si proietta già dentro quel baratro, invitando l’amante a unirsi a lei in questo salto finale. «Ho voluto sospendere questi istanti attraverso questa maledizione scagliata verso l’arrivo della luce del giorno, ripresa appunto da Wagner, per far restare Isotta e Tristano al di qua di quel crinale, insieme per sempre nel regno della notte».

La sua pagina la trovate qui.


Il (carinissimo) video di XMan, singolo di UnePassante tratto dal precedente lavoro, No Drama.

__

Foto credits Sara Mautone.