unisolatotorteegraffiti_cosebelle_00

graffiti in ebor street, londra

E’ incredibile quanta interessante buona bellezza possa concentrarsi in un solo isolato di Shoreditch, Londra. Due stradine parallele, anonime, anche un po’ sdrucite, che racchiudono due piccoli inaspettati tesori, due luoghi intensamente inglesi, posti come spesso accade ai due estremi dell’inglesità stessa: la tradizione e l’avanguardia. Col bonus che se non lo sai, difficilmente li scopri.

unisolatotorteegraffiti_cosebelle_01

graffiti in ebor street, londra

Sulle pareti di Ebor Street si accalcano graffiti e stickers, come una galleria d’arte contemporanea a cielo aperto. Se siete fortunati, girato l’angolo potete trovare Obey o qualche altro artista impegnato con le sue bombolette. Il graffito è l’arte più nuova e più antica allo stesso tempo, dalle caverne preistoriche a Basquiat: l’essere umano che vuola lasciare una traccia grafica, un simbolo, marchiare di senso l’ambiente che lo circonda. E questo essere antichi e nuovi insieme è decisamente inglese.

unisolatotorteegraffiti_cosebelle_02

albion caffè e bakery, londra

Allo stesso modo, girate l’angolo, in Boundary Street, e trovate Albion, delizioso caffè e bakery con negozio allegato, dove gustare o comprare prodotti organici belli buoni e salutari. Lunghi tavoli di legno, cucina a vista, grandi finestre sulla strada: il britannico irrinunciabile rito del tè reso luminosamente moderno e rispettosamente ecologico.
Le radici sono quelle della terra, dell’artigianale, del country, del segno primitivo di riconoscimento: la modernità è riscoprirle, è gettarsi in avanti da quelle come una pianta che cerca il (come sempre pallido) sole.