foto by Cristina

foto by Cristina

L’autunno mette quasi sempre un po’ di malinconia, soprattutto quando il ricordo dell’estate ha appena svoltato l’angolo. Per non cadere “vittime” dei primi freddi e per rendere questa stagione più colorata e allegra qui di seguito leggerete un po’ di eventi che vi consiglio di tenere in agenda, anche perché il panorama teatrale è sempre in fermento e non si arresta mai. Alla prima mappatura degli appuntamenti estivi ora vi segnalo qualche altra data di festival che si sono consumati a settembre e si consumeranno molto presto tra ottobre e novembre!

Il mese di settembre ha visto protagonisti due appuntamenti decisamente agli opposti, in termini geografici:

SGUARDI- vetrina del teatro contemporaneo in quel del Veneto, più nello specifico a Vicenza e ALTO FEST collocato nella colorata Napoli.

sguardi

foto dal sito www.sguarditeatro.it

Sguardi svoltosi nelle giornate del 10-11-12-13 settembre è arrivato alla sua quinta edizione. Ogni anno la location è differente spostandosi nelle diverse città della regione creando un punto di incontro, di presentazione e di confronto delle varie realtà teatrali del territorio. Sguardi è una “vetrina” che permette alle compagnie del territorio di farsi conoscere non solo al pubblico ma al cosidetto “pubblico di settore” (organizzatori, stampa, direttori artistici). Un’ottima occasione, quindi, per conoscere compagnie “nostrane” e di avere a disposizione quattro giornate ricche di spettacoli dalla mattina fino alla sera ad un costo del biglietto davvero imbattibile, 1 euro! Ben 27 gli spettacoli presenti in cartellone che hanno dato l’opportunità di vedere location anche differenti dal Teatro Kitchen appena fuori le mura della città, al teatrino di Costabissara, al teatro Spazio Bixio fino alla consolidata bellezza del Teatro Olimpico e la Basilica Palladiana.

Sguardi è per chi vuole addentrarsi nel territorio veneto conoscendolo attraverso il suo prodotto artistico e performativo e, perché no, tra uno spritz in piazza e una passeggiata in centro.

foto in www.teatringestazione.com

foto in www.teatringestazione.com

Alto Fest, ideato e diretto da TeatrInGestAzione, volge l’attenzione al sud, in una Napoli caotica e colorata. Nella settimana dal 22 al 28 settembre un programma ricco e intenso che occupa questi 7 giorni sin dalla mattina, con performance, concerti, esposizioni, spettacoli e incontri  sparsi per tutta la città. Giunto alla sua quarta edizione, inaugurato nel 2011, ha la particolarità che è totalmente costruito con i cittadini di Napoli, che ospitano all’interno delle loro case o spazi privati di altra natura i vari artisti che partecipano (anche internazionali) sensibilizzandoli proprio dalla base e facendoli diventare promotori diretti della cultura.

Alto Fest è per chi ha voglia di uscire un po’ dagli schemi, immergersi nei colori del sud e di entrare negli spazi “privati” condividendo un teatro che ha il sapore di “casa”.

Volgendo lo sguardo ai prossimi mesi ecco i due festival che vi consiglio di segnarvi in agenda!

www.romaeuropa.it

www.romaeuropa.it

A Roma dal 24 settembre al 30 novembre c’è il RomaEuropaFestival Linfa vitale, ben due mesi di programmazione per un ricco calendario di spettacoli dai più vari, dal teatro, alla danza alla musica, giunto alla sua ventinovesima edizione RomaEuropa invade la Capitale. Organizzato e diretto dalla Fondazione Romaeuropa che è una delle istituzioni di maggior prestigio, in Italia e in Europa, per la promozione e la diffusione dell’arte, del teatro, della danza e della musica contemporanea. Tra i vari nomi conosciuti a livello internazionale, possiamo incontrare i nuovi lavori di Virgilio Sieni, Ricci/Forte, Motus, Anagoor, Emma Dante e ancora Manfredini, Silvia Gribaudi e Chiara Frigo e tantissimi altri!

RomaEuropaFestival è per chi ama la Capitale e ha disposizione un po’ di tempo per fare il pieno di un programma che varia dalla danza al teatro alla musica, abbracciando i gusti più diversi.

www.emiliaromagnateatro.com

www.emiliaromagnateatro.com

Vie Festival prende vita dal 9 ottobre fino al 25 ottobre a Modena e d’intorni. Ci tengo a segnalarlo perché è stato un po’ il festival che mi ha “iniziato” al teatro. Lo ricordo con affetto e ogni volta ci torno con piacere. Le 17 giornate di spettacoli  propongono non solo spettacoli di teatro ma anche danza e musica. Il perno centrale è la città di Modena, che fa capo con il Teatro delle Passioni a nucleo operativo, poi tante altre date sono dislocate nelle città vicine tra Carpi, Vignola, Bologna, Mirandola, Casalecchio sul Reno, Rubiera e San Felice sul Panaro. Il festival si è sempre contraddistinto per gli spettacoli internazionali che ospita, portando anche lavori che poi difficilmente si riescono a rivedere in qualche altro cartellone teatrale.

Vie è per chi ama il territorio Emiliano o vuole conoscerlo, per chi desidera non solo gustarsi la vista con i paesaggi ma anche gli occhi e la mente con spettacoli interessanti e innovativi.

Per un autunno all’insegna del teatro!