Quel che si dice una lettura deliziosa.

Quante volte capita di trovarsi a sfogliare un ricettario corredato da fotografie talmente succose e invitanti che verrebbe voglia di strappare la pagine e mangiarsele? A quelli di Korefe, un’agenzia di design di Amburgo, deve essere successo e hanno avuto una buonissima idea: creare il primo libro di cucina che si potesse cuocere e mangiare!

Prima che pensiate di dover fare la fine di Charlie Chaplin che mette a bollire lo scarpone, però, occorre una precisazione: qui non si parla di un nuovo tipo di carta commestibile, di rilegatura alla liquirizia o di quarte di copertina profumate al limone, ma piuttosto… di lasagne tipografiche.

Sì, perchè il libro in questione è composto da sottili sfoglie di pasta fresca sulle quali sono impressi dei suggerimenti per la preparazione del piatto, che possono essere farcite con gli ingredienti preferiti, messe in forno e poi gustate.

Ecco finalmente un’idea per usare per quella sacchettata di vecchi caratteri tipografici che avete comprato al mercatino e da allora giacciono tristi e inutilizzati sul comò!