aperitivo, finger food, ricetta, taralli pugliesi

Ricetta semplice e sfiziosa. I taralli sono uno spuntino da gustare ovunque, con grandi e piccini, magari con un buon bicchiere di vino in attesa della cena. E allora cosa aspettate… mani in pasta!

Ricetta: Taralli all’olio di oliva e semi di finocchietto from videare on Vimeo.

RICETTA DI NONNA GRAZIELLA

Nonna Graziella ama personalizzare le ricette.

Quella dei taralli l’ha scoperta un giorno in vacanza a Sternatia (LE) da mia zia Bruna, che vive in Salento ma viene dalla Basilicata. Quel giorno fecero tanti, ma così tanti taralli da impiegare un mattino intero. Ma la famiglia è grande ed è meglio abbondare e poi quando si è in buona compagnia tutto è più bello!

Secondo la ricetta pugliese originale dopo aver dato la forma ai taralli bisogna farli bollire, lasciarli asciugare e poi passarli in forno.

Ma nonna Graziella, che come vi dicevo ama personalizzare le ricette, ha pensato bene di saltare il passaggio della bollitura e passarli direttamente in forno (trucchetto per risparmiare un po’ di tempo).

Il risultato? Buonissimi e sfiziosissimi, da mangiare con un pezzo di formaggio e un buon bicchiere di vino!

 

INGREDIENTI

1 kg di farina di grano tenero
1 bustina o 1/2 cubetto di lievito di birra
1/2 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaio di semi di finocchietto
1 cucchiaio di sale
1 bicchiere di olio extravergine di oliva
1/2 bicchiere di vino bianco
acqua tiepida quanto basta
 

PROCEDIMENTO

Setacciare la farina, aggiungere gli ingredienti seguendo l’ordine indicato. Mischiare e impastare per 10-15 minuti fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo.

Coprire con un telo. Stendere dei grissini sottili e lunghi 4-5 cm e formare il tarallo unendo le punte del grissino. Lasciar riposare 10 minuti.

La lievitazione avviene durante la fase di preparazione dei taralli.

Adagiare in teglia su carta da forno e infornare a 250 °C per 30 minuti o fino a doratura.

Farli raffreddare in un telo e riporre in un contenitore.