1. Da sempre colleziono taccuini, su cui annoto ogni piccola cosa che mi accade e che riempio di biglietti di concerti o musei, di foto, di cartoline. Ovviamente le agende della Moleskine non mancano mai nella mia letterina per Babbo Natale. Quest’anno, poi, la limited edition di Star Wars è assolutamente imperdibile! CHE LA FORZA SIA CON TUTTE VOI!

2. Prima di diventare una contributor, sono stata per molti mesi un’assidua lettrice di Cosebelle. Non me ne vogliano le altre (e in particolare mia sorella), ma la mia rubrica preferita è sempre stata Walking in My Shoes di Giada. Ecco, mi auguro che anche Babbo Natale sia un assiduo lettore dei suoi articoli perchè vorrei davvero ricevere questi fantastici loafers di Charles Philip.

3. Quest’anno ho deciso che bisogna dare una svolta moderna alle decorazioni dell’albero. Basta con tutte le palline dorate tanto amate da mia madre. Le più belle che ho trovato sono in assoluto queste della Pantone, per avere un albero pieno di colori ed estremamente stiloso!

4. Ad ottobre sono andata all’Affordable Art Fair di Roma, alla ricerca del futuro Picasso. Mi sono imbattuta nelle opere geniali di Sergio Vanni, un docente del liceo che dal 1997 crea teche che sono parodie di opere d’arte. Sono delle miniaturizzazioni accompagnate da una frase dissacrante! Chissà se Walter Gropius avrebbe apprezzato questa rivisitazione della sua Bauhaus!

Sergio Vanni, Bau Bau Haus, acrilico e materiali diversi su supporto di mdf in teca di plexiglass, 32.5×32 | Courtesy: www.affiche.it

Cover: Elenia Beretta