Dalla laguna di Orbetello. Con amore.

Iniziamo questa ricetta sfatando un mito: la bottarga non è oro. E’ buona, versatile, dura un’eternità e vi costa meno di tante schifezza che comprate al supermercato (molto meno). Se poi ci aggiungete che io i pescatori della laguna di Orbetello li conosco, sono stata a mangiare nel ristorante della cooperativa, mi sono fatta consigliare i duemila modi per cucinare le loro prelibatezze, beh direi che dovreste cominciare a fidarvi.

Che sia grattugiata o da grattugiare non fa differenza (me lo hanno garantito proprio i pescatori) quindi ho preferito prenderne un vasettino. Comodo da dosare e da tenere in frigo. Non sto a dilungarmi su usi e consumi della bottarga, vi rimando però alla pagina del presidio Slow Food.

Ingredienti:
400gr di spaghetti
4 cucchiaini di bottarga di Orbetello
3 coste di sedano
uno spicchio d’aglio
olio extravergine d’oliva

Mettiamo a bollire la pasta in abbondante acqua salata. Intanto in un piattino sciogliamo la bottarga nell’olio per ottenere una crema

Tagliamo a striscioline il sedano, teniamone un po’ da parte per la decorazione e sminuzziamo il resto che ci servirà per condire la pasta

Una volta scolata la pasta ripassiamola in padella con olio e uno spicchio d’aglio in camicia aggiungendo la crema di bottarga. Solo alla fine aggiungiamo sempre in padella il sedano, per mantenerlo fresco e croccante