Questo fine settimana a Milano si terrà la 18esima Milano Tattoo Convention. Se non avete programmi per il weekend vi consiglio di farci un salto, è sempre divertente. Le convention di tatuaggi in genere riuniscono nello stesso luogo molte altre arti, quindi quando vi stancate di passeggiare di stand in stand guardando un centinaio di fenomenali artisti da tutto il mondo che tatuano per tutto il giorno, potete sicuramente usufruire di molte alte forme alternative di intrattenimento. Per esempio, in convention a Milano troverete più di una mostra fotografica, esibizioni e performance di artisti come Lucky Hell, una mangiatrice di spade, o di Dox, artista dell’areografo; potrete assistere l’elezione di Miss Convention, a qualche concerto o alla tradizionale premiazione di migliori tatuaggi della convention. In realtà il mio passatempo preferito, dopo aver camminato per ore tra gli stand, di solito è trovare un buon punto dove sedersi e guardare la gente che passa, vi passerà davanti una umanità variegata, colorata e bellissima.

Lucky Hell, la bellissima mangiatrice di spade, si esibirà alla Milano Tattoo Convention

Lucky Hell, la bellissima mangiatrice di spade, si esibirà alla Milano Tattoo Convention

Vi consiglio qualcuno dei miei artisti preferiti da tenere d’occhio, se passate da quelle parti: il fantastico Oliver Peck di Elm Street (Usa) e il suo stuzzicadenti, Jorge Becerra (Uk), Alex e Kostas di Dirty Rose Tattoo (Grecia), Tim Kern di Tribulation Tattoo (Usa), lo strambo Xoil (Francia), Stefano C di Frith Street (Uk) (lo stesso studio in cui lavora Valerie Vargas, di cui abbiamo già parlato), Zsolt Gomori di BuntMacher Tattoo (Germania). Oleg Turyanskiy di Fiola Art (Russia), Florian Karg di Vicious Circle (Germania) e tra gli italiani Roberto Borsi di Primordial Pain, la stupenda MorgClod the Ripper di Milano City Ink, Antonio Proietti di Camden Town Tattoo, Matteo Pasqualin. Guardate con i vostri occhi cosa questi artisti riescono a fare con pelle e inchiostro.

cosebelle_sottopelle_milanotattooconvention01

Se siete appassionati di tatuaggi giapponesi poi, c’è un evento molto interessante in programma. Durante la convention infatti sarà presentato in esclusiva “Horitoshi I. Storia dell’Irezumi”, un progetto dedicato a Horitoshi I, leggenda vivente in Giappone e non solo, maestro indiscusso dell’arte del tatuaggio tradizionale orientale, sapiente custode di una peculiare tecnica, l’incisione a mano.
“Horitoshi I. Storia dell’Irezumi” è la narrazione di un viaggio alla scoperta del tatuaggio giapponese, attraverso la testimonianza diretta del maestro Horitoshi I che, con Roberto Borsi, tatuatore milanese laureratosi all’Accademia di Brera, ripercorre le origini dell’Irezumi, specchio di un popolo e delle sue tradizioni.

cosebelle_sottopelle_horitoshi1

Il libro viene presentato in anteprima mondiale alla 18th Milano Tattoo Convention, in programma dall’8 al 10 febbraio presso il Centro Congressi Quark ed è parte integrante di un progetto che comprende anche “Horitoshi I – The Tattoo Master”, l’inedito documentario (qui il teaser) girato a Tokyo dal giovane regista Alessandro Migliore e che comprende un’intervista esclusiva al celebre maestro con la testimonianza in presa diretta della sua vita artistica e quotidiana.

Insomma tante cose belle da vedere e da fare. Qui le info:

18th Milano Tattoo Convention
Centro Congressi Ata Hotel Quark
Via Lampedusa 11/A – Milano
http://www.milanotattooconvention.it/