Chi di noi a volte non ha avuto bisogno di un consiglio esterno e spassionato, anche solo per sfogarsi, o per sentirsi un pochetto compresi? La posta del cuore è questo, un piccolo rifugio dove sentirsi comodi come nel proprio divano mentre qualcuno di là ci prepara un tè caldo. A rispondere, una saggia e nostra vecchia conoscenza: Petunia Ollister che definisce così questa rubrica: «più che una posta del cuore è un tentativo di traduzione simultanea dei sentimenti, con tutti possibili errori del caso». La colonna sonora che è my bloody valentine, Sometimes. Nasce così Lost in translation, il rifugio di tutti quelli che anche solo per un attimo hanno bisogno di parole belle. Scrivetele, l’indirizzo è questo qui: petuniaollister@gmail.com. Stavolta a scrivere è un uomo e si parla di sesso.

«Cara Petunia,

ultimamente mi è capitato di uscire con una ragazza. Ci siamo trovati bene e siamo finiti a letto. Sono stato molto chiaro. Da subito. Non voglio una storia. Non voglio impegni. Non voglio una relazione. Ci siamo divertiti e sembrava che tutto fosse molto onesto.

Sta capitando, però, che questa ragazza mi stia cercando per uscire di nuovo. Io non voglio ferirla, perché non ho davvero intenzione di impegnarmi, però temo che lei voglia, come dire, passare al livello successivo. Come posso fare per farle capire che era davvero solo sesso?»

M.

Carissimo M.,

io e te non ci conosciamo, ma mi sento di parlarti come se fossi un mio amico, tra i 25 e i 35 anni – ti immagino così, correggimi se sbaglio -, che fa una richiesta alla donna adulta, un po’ provata dalla vita, ma comunque in grado di dare un buon parere. Quella che parla come fosse un tuo amico. Quella che fa meno paura perché per età potrebbe essere la sorella minore di tua madre. Quella non più giovanissima e un po’ sfigata nei rapporti interpersonali.

Nelle tue parole sento il terrore, quello vero: «Oddio, questa si sta accollando. Se la rivedo ancora lei si illude e tempo un mese e mezzo vuole venire a vivere con me.». Ti tranquillizzo subito. Dimentica lo stereotipo della donna che si deve accasare a tutti i costi, per avere un uomo accanto e procreare al più presto. Gli anni Cinquanta sono finiti da un pezzo.

Forse questa ragazza si è solo trovata molto bene con te. Intendo sul piano fisico. Perché il mondo è un posto freddo e le statistiche urlano: tra quelle che non hanno mai provato un orgasmo, chi non riesce a raggiungerlo nel corso del coito – il mitologico orgasmo vaginale – e chi lo finge regolarmente per poi consolarsi poi con la masturbazione, il panorama è desolato.

Probabilmente anche per lei è solo sesso.

Ma con tutta probabilità è stato sesso di qualità – altra cosa non facile da fare, fidati -. Si è trovata bene con te e intuisce che ci potrebbe essere un certo qual piacere coordinato e continuativo se solamente ci fosse la possibilità di ripetere qualche volta l’esperienza.

Smetti di aver paura del fantomatico accollo e corri il rischio che non abbia la benché minima voglia di accasarsi con te, ma soltanto di stare bene.

Ciao,
Petunia

__
Illustrazione: Breanna Schulze