Nel bianco con gli orsi + dillo con un pinguino.

Si fa presto a dire usiamo gli orsi come testimonial che sono coccolosi, soprattutto se sei lo zoo di Toronto.
Il problema, poi, è trovare un’idea originale e divertente. E il team di Lowe Roche, con il direttore creativo e art director Sean Ohlenkamp, c’è senza dubbio riuscito.

La campagna, tutta giocata in modo surreale sul bianco degli orsi e il bianco dell’ambiente che li circonda, comprende una bella serie di campagne stampa e video, ma anche una geniale serie-di-gadget-da-avere-assolutamente. Io, all’album da colorare e alle sue didascalie, volevo fiondarmi a Toronto solo per abbracciare il signor Sean e compagnia (non a caso il libro era sold out dopo due soli giorni):

conta le palle di neve


disegna un costume da fantasma per Halloween

trova l’orso polare nascosto

Ma ci piace anche il puzzle:

E questi erano i protagonisti dell’anno scorso. Per la nuova campagna dello zoo, invece, ecco saltar fuori un’altra specie esperta in coccolosità e simpatia: i pinguini in pericolo di estinzione. Oltre ai tre divertenti spot

penguin morra

penguin guano

pink eye

c’è anche un sito in cui ci si può divertire a scrivere frasi in carattere “pinguinesco”, passando per la gallery e ovviamente con la possibilità di condividere e scaricare le proprie frasi.

Si fa presto a dire usiamo i pinguini come testimonial. Adesso si fa presto anche a dirlo coi pinguini.