Fino al 6 gennaio 2015 le sale del palazzo Santa Margherita a Modena ospiteranno una mostra personale dedicata a Jamie Reid, Ragged Kingdom. Forse a qualcuno il nome così su due piedi non dirà molto, ma è praticamente certo che abbiate intercettato almeno una volta finora uno dei suoi lavori. Molte di più se siete – o siete stati – fan dei Sex Pistols.

jamie reid modena

Sì perché Jamie Reid, artista anarchico inglese, è il padre di alcune delle immagini più iconiche di un periodo storico che ha visto scatenarsi con forza l’onda d’urto del punk britannico. E’ infatti l’autore di alcune delle grafiche più note dei Sex Pistols, di cui è stato per diversi anni il responsabile della comunicazione visiva. L’immagine della Union Jack logora e tenuta insieme da spille da balia e sopra, con lettere ritagliate dai giornali, la scritta Anarchy in the UK. L’immagine della regina d’Inghilterra con la bocca chiusa da una spilla e la grafica God save the Queen. Questi sono alcuni degli esiti che ebbe il contatto tra Jamie Reid, vicino anche al movimento situazionista, e i Sex Pistols.

jamie reid modenajamie reid modena

Alzi la mano chi di noi non ha mai attraversato nella vita un “periodo punk”. Che si trattasse di gusti musicali, di creste blu e spillette, o semplicemente di un modo di guardare al mondo. A chi ha avuto il suo periodo punk, e a chi invece non lo ha mai avuto, a quelli per cui questo periodo continuerà per tutta la vita, le immagini di Jamie Reid sapranno dire qualcosa a tutti, perché parlano il linguaggio universale di un’opposizione schietta e senza mezzi termini, una rivolta visiva e verbale al potere costituito che spesso opprime anche quando non lo fa apertamente.

jamie reid modena jamie reid modenajamie reid modena

La mostra espone più di sessanta disegni, collage, dipinti e grafiche, ed è stata realizzata in collaborazione con la Isis Gallery di Brighton e con la partecipazione di ONO arte contemporanea di Bologna. Oltre ai lavori di Jamie Reid in collaborazione con i Sex Pistols, sono anche ben documentati i suoi esordi. Al piano terra poi si trova l’installazione che dà il nome alla mostra, Ragged Kingdom, composta da tepee – le tende coniche tipiche dei nativi americani – al cui interno i visitatori troveranno una serie di fogli con cui comporre il proprio personale e irripetibile catalogo della mostra.

 

Jamie Reid. Ragged Kingdoma cura della Galleria Civica di Modena, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, con il sostegno di Gruppo Hera; in collaborazione con Isis Gallery di Brighton e Ono Arte Contemporanea di Bologna

DOVE &QUANDO: Modena, Palazzo Santa Margherita, corso Canalgrande 103. Fino al 6 gennaio 2015.
Ingresso libero