la pasta all’uovo al verde, con spinaci freschi e gamberi.

Le dosi canoniche della pasta fresca prevedono 1 uovo per 100 g di farina a persona: si lavora tutto per bene e si lascia riposare l’impasto coperto da un canovaccio, prima di stenderlo con il matterello e la mitica macchina Imperia (rigorosamente nella versione ‘old school’ a manovella) per ‘tirare’ la sfoglia allo spessore e secondo le forme che più preferiamo. Oltre agli spinaci, la pasta all’uovo si può aromatizzare e colorare con tanti altri ingredienti: dai classici nero di seppia, zafferano, spinaci o borragine, alle aggiunte insolite come barbabietole per il rosso e addirittura cacao per una nota dolce e calda.

Ingredienti

Per la pasta fresca

400 g di farina 0

4 uova

100 g di spinaci freschi

1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

1 pizzico di sale

Per il sugo

400 g di gamberi sgusciati

1 cipollina

200 g di polpa di pomodoro a pezzetti

1/2 bicchiere di vino bianco

1 ciuffo di prezzemolo

Tritiamo le foglie di spinaci freschi nel minipimer e mescoliamo la crema ottenuta in una ciotola con la farina, l’olio, le uova e un pizzico di sale.

Lavoriamo bene gli ingredienti fino a ottenere un impasto sodo ma abbastanza morbido, aggiungendo eventualmente altra farina se non fosse abbastanza consistente. Formiamo una palla e lasciamo riposare al fresco la pasta coperta da un canovaccio.

Nel frattempo prepariamo il sugo. Ammorbidiamo la cipolla in poco olio per qualche minuto, poi aggiungiamo i gamberi, rosoliamo appena e sfumiamo con il vino bianco. Uniamo il pomodoro a pezzetti, regoliamo di sale e continuiamo la cottura per altri 15-20 minuti a fuoco dolce.

Stendiamo la pasta all’uovo prima con il matterello e poi con la macchina della pasta, a uno spessore di 3-4 mm.

Ritagliamo con un coltello le pappardelle larghe circa 1 cm, oppure ricaviamo sempre con la macchina delle fettuccine belle larghe. È importante che la pasta sia abbastanza spessa perché deve mantenere consistenza durante la cottura e in questo modo siamo sicuri che non si spezzi. Mano a mano che sono pronte, mettiamo le nostre pappardelle su un vassoio infarinato per non farle attaccare, spolverando con altra farina.

Lessiamo la pasta per 5 minuti lasciandola piuttosto al dente, scolandola con un forchettone e mettendola direttamente nella casseruola con il sugo. Giriamo delicatamente e lasciamo insaporire per qualche minuto, aggiungendo poca acqua di cottura della pasta se il condimento fosse troppo asciutto. Spolveriamo con il prezzemolo tritato e serviamo subito.