A Firenze, Santa Maria Novella

E’ possibile vivere in case capaci di “crescere” in base alle nostre esigenze? E’ questa una delle riflessioni che suscita la sperimentazione delle “Case rotolanti /Rolling Houses”, curata da Nicola Santini e Pier Paolo Taddei dello studio fiorentino Avatar. Dal 2004, il team di Avatar architettura in sinergia con Peter T. Lang, indaga i temi della flessibilità e delinea proposte a livello urbano ed abitativo: le Case rotolanti sono parte del progetto “Elasticity”.

In occasione della Notte Bianca di Firenze, lo scorso 30 aprile, tre prototipi in legno di Rolling Houses hanno occupato la centralissima piazza Santa Maria Novella. Per l’evento ciascun modulo è stato mostrato nella configurazione aperta, ovvero come parte autonoma ed indipendente di un “sistema casa” aggregabile. In questo modo, ogni struttura è diventata uno spazio domestico a disposizione della città: una sorta di microcosmo, raccolto e privato, ma nello stesso tempo aperto alla condivisione ed all’interazione.

Il sistema ideato dai progettisti, concepisce ogni modulo come uno “spazio minimo abitabile” in grado di ruotare e capace di assolvere, in base della posizione assunta, a funzioni eterogenee. Accostando le singole strutture, si passa alla “configurazione chiusa” ed alla definizione di una organismo abitale e multifunzionale, come quelli mostrati nel render.

Per conoscere tutti le evoluzioni ed i dettagli del progetto, appuntamento a novembre 2011, presso la galleria fiorentina http://www.22a22.it/. Stay tuned!

Thanks to: www.avatar-architettura.it– Nicola Santini e Pier Paolo Taddei con Elisa Lo Castro e Lucia Guarino per la Notte Bianca di Firenze. Foto: Nicola Santini // Lucia Guarino