Il formaggio più leggero che c’è che formaggio non è (tecnicamente).

ricotta

Lo sapevate che da un siero inacidito si può ottenere della dolcissima ricotta?
Questo miracolo tecnologico, forse chissà, scaturito da un errore caseario, è il latticino più leggero in commercio, solo l’8% di grassi per la ricotta di mucca, e quindi il primo prodotto light della storia!
Viene citata in numerosissimi testi storici, da Catone che raccolse le norme che regolavano l’uso del latte di pecora degli antichi pastori romani, ai testi medioevali che parlano di San Francesco come divulgatore dell’arte di fabbricar ricotta nei popoli laziali, ma pare che i primi a mangiare ricotta furono i Sumeri e gli Egizi (c’è qualcosa che non hanno inventato prima loro?).

ricotta

La ricotta, essendo un prodotto che si ottiene da un sottoprodotto della lavorazione del formaggio, il siero, può avere tre provenienze: dal latte di capra, dal latte di mucca o da quello di pecora.
Sarebbe quindi più corretto parlare di “ricotte”, tanti sono i tipi e quindi i sapori che possiamo gustare in ogni parte d’Italia, e d’Europa.
Anche le consistenze e le lavorazioni aggiuntive differenziano una ricotta dall’altra: si passa dalla ricotta romana DOP, compatta e soda, dal sapore dolciastro, alla ricotta forte pugliese, più morbida e sapida, per non parlare della ricotta affumicata di Mammola, creata dai pastori calabresi per prolungarne la conservazione, e di quella salata o stagionata, prodotta principalmente al sud, pronta da grattugiare sui primi piatti.
Una ricotta che difficilmente potranno copiarci all’estero è la Ricotta di Bufala Campana DOC, anticamente denominata “ricotta in salvietta” perché veniva avvolta in piccole pezze di canapa.

ricotta-di-bufala

Tante le ricotte, innumerevoli le ricette che si tramandano da secoli sulle tavole italiane: è presente nel ripieno di tortelli, ravioli, cannelloni di ogni regione e nei dolci tipici dal nord al sud: cannoli siciliani, pastiera napoletana, brugnolusu sardi, focaccia piemontese, torta amalfitana… solo per citarne alcuni.

cannoli