Triangoli di formaggio fritto e composta di mirtilli

Triangoli di formaggio fritto e composta di mirtilli

Si, va bene, le vacanze in Spagna e il mio amore per questa terre potrebbero essere vagamente legate alla scelta di condividere con voi proprio questa ricetta. Ma vagamente.

Il queso frito – ovvero formaggio fritto – non è un piatto leggero, perdonatemi. Ma per prepararlo ci vuole pochissimo, e per vederlo sparire dal tavolo molto ma molto meno.

In Spagna lo potete trovare preparato con formaggi diversi, dal Camembert al Gouda, l’Emmenthal o  anche altri formaggi semistagionati di latte vaccino e capra. Dunque non siate troppo pignoli, scegliete un formaggio a pasta filante che vi piace. Poi impanate. Friggete. E servite con una composta di mirtilli, dolce ma leggermente acidula, perfetta per sgrassare e riequilibrare i sapori.

Provatelo. Una sola volta. So che amerete la Spagna anche voi.

Mirtilli pronti per finire in padella

Mirtilli pronti per finire in padella

Ingredienti (per 4 persone)

200 g di formaggio a pasta filante
1 uovo
60 g di pangrattato (anche crackers o grissini tritati di kamut/farro/riso..)
100 g di mirtilli
1 cucchiaio di zucchero di canna o di succo d’agave
1 limone
Farina qb (anche di riso o amido di mais)
Acqua qb
Olio per friggere

 

Pulite il formaggio, fatelo a fette di circa 1 cm e poi dividetelo in 12 triangoli o rettangoli uguali.

Lavate i mirtilli e metteteli in un padella antiaderente ben calda cosparsa con lo zucchero di canna. Lasciateli caramellare e aggiungete il succo di limone. Lasciateli cuocere fino a quando saranno morbidi ma ancora interi.

Sbattete l’uovo e impanate il formaggio passandolo nella farina, l’uovo e il pangrattato. Friggete in abbondante olio.

Mettete lo formaggio a scolare l’olio in eccesso sulla carta assorbente, salate leggermente e servite ben caldo con i mirtilli.