Quandosietefelicifatecicaso_Cosebelle_01

«Solo le persone bene informate e di buon cuore possono insegnare agli altri cose che verranno ricordate e amate per sempre. I computer e la tv non lo fanno». Sono otto anni che Kurt Vonnegut manca. Manca la sua ironia, la sua profonda leggerezza, il suo sguardo curioso, dissacrante sul mondo. Mancano le sue parole.

Per consolarci Minimum Fax pubblica questo bel libro “Quando siete felici, fateci caso”, una raccolta di nove commencement speeches, ovvero quei discorsi che in America personalità di spicco della cultura o della politica usano fare agli studenti universitari al termine dell’anno accademico. Come il famosissimo discorso di Steve Jobs o di David Foster Wallace per intenderci.

Sarebbe bello che succedesse pure qui da noi. Che ci laureassimo col sorriso in faccia e il consiglio di qualcuno che ha pensato a noi, proprio a noi, che si è preso la briga di sedersi a tarda notte davanti a una macchina da scrivere pensando: “E ora, che cosa gli dico a questi ragazzi che si affacciano al mondo, che parole posso usare per farli sentire meno impauriti”…

Ecco, nel 1996 Vonnegut si trovava davanti a quella classe fortunata, e come molti altri saggi prima di lui – in una maniera non molto americana a dire il vero – disse a quei ragazzi che non importava se sarebbero o no diventati personaggi di successo, o meglio, che avrebbero dovuto provarci ma che forse non sarebbe accaduto. Gli disse piuttosto, cosa ben più importante, che dovevano diventare brave persone.

E che per riuscirci dovevano essere felici. Ma non parlava della felicità dei manuali d’auto-aiuto, parlava di quelle piccole a volte minuscole gioie quotidiane che rispondono alla domanda: “Cosa c’è di più bello di questo”?

Ecco, questo è il consiglio per la vita di Kurt Vonnegut. Non accontentatevi ma cercate di trovare il bello ogni giorno, perché alla fine sarà quello che riempirà la vostra vita. Quando vi danno un bacio e chiudete gli occhi, quando un amico vi fa fare una bella risata, quando un gelato è buono, ma buono davvero, ecco, prestate più attenzione. Insomma, quando siete felici, fateci caso.