Cibo sublimato, cibo detestato, cibo cotto&mangiato, cibo strumentalizzato, cibo osannato, cibo colpevolizzato: la smisurata presenza del cibo in ogni sua declinazione è un fenomeno inarrestabile, sul quale ciascuno può nutrire simpatia o fastidio. Ma cosa pensereste se vi dicessi che, dopo essere diventato il tema-re dei palinsesti televisivi, dopo aver occupato svariati metri di scaffali sulle librerie di tutto il mondo, dopo il trionfo sul web,  il cibo stesse per varcare un’altra soglia, probabilmente una tra le più sacre? Ebbene sì: il cibo entrerà -temporaneamente- al museo. E non nella forma di scaglia di parmigiano e costa di sedano dei vernissage.

PROGETTO CIBO - LA FORMA DEL GUSTO_Cosebelle_01

Le gelatine di Bompas & Parr che riproducono la Cattedrale di St Paul a Londra

PROGETTO CIBO - LA FORMA DEL GUSTO_Cosebelle_02

Mostra “PROGETTO CIBO – LA FORMA DEL GUSTO”

Prende il via il 9 Febbraio al  Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Rovereto (Trento) la mostra “Progetto Cibo. La forma del gusto”, una presentazione dell’ “arte della progettazione industriale e del design più sperimentale applicata all’alimentazione.” Fino al 2 Giugno 2013, l’esposizione curata da Beppe Finessi, architetto, docente del Politecnico di Milano e tra i principali studiosi di personalità del design come Bruno Munari, Angelo Mangiarotti e Vico Magistretti, proporrà un percorso espositivo capace di unire design, industria alimentare e naturalmente loro, gli chef di fama internazionale. Da segnalare le serate di show-cooking  che vedranno la presenza, tra gli altri, di  Gualtiero Marchesi il 13 Febbraio e (promemoria per per i fans di Masterchef!)  di Bruno Barbieri il 20 Marzo.

PROGETTO CIBO - LA FORMA DEL GUSTO_Cosebelle_03

Cordoleani&Fontana – Leccalecca, 2007

PROGETTO CIBO - LA FORMA DEL GUSTO_Cosebelle_05

Delphine Huguet, Speculoos, 2007

PROGETTO CIBO - LA FORMA DEL GUSTO_Cosebelle_06

Alkesh Parmar – Spremiagrumi A Peel, 2008 | Photo: Alejandro Olaya

Il programma di appuntamenti collaterali comprende anche workshop con designer per creare di gioielli e sculture con prodotti alimentari locali e la performance di danza euritmica e show-cooking di Daniel Facen (venerdì 8 febbraio, ore 18.00) e  si affianca ad un percorso espositivo denso di spunti interessanti. A testimoniarlo è la scelta di affidare l’apertura ad un omaggio al volume “Good Design” di Bruno Munari, in cui l’insuperato maestro suggeriva di leggere frutta, verdura e altri prodotti della terra come oggetti di design, sottolineandone anche le caratteristiche prestazionali. I cosidetti “cibi anonimi” saranno quindi interpretati dal punto di vista grafico e architettonico, al fine di dimostrare come “dietro a pietanze molto connotate geograficamente come il Sushi o lo Strudel, così come la Lasagna, l’Arancino o l’Oliva ascolana, si celano strutture progettuali frutto di un accorto compromesso tra immagine, gusto e produzione.” E ancora, il pane, sarà presentato in una successione di forme, intese come micro-sculture, la pasta sarà mostrata anche in formati insoliti, progettati ad esempio da Giorgetto Giugiaro.

PROGETTO CIBO - LA FORMA DEL GUSTO_Cosebelle_04

Mostra “PROGETTO CIBO – LA FORMA DEL GUSTO”

E la pressante questione della fame? E la carenza di risorse? In mostra la riflessione sul cibo si amplierà, intrecciandosi con le tematiche dell’etica, dell’ecologia e della produzione standardizzata, attraverso una sezione dedicata ai brevetti e alla figura dei “food designer”, autori di oggetti come la “Penna edibile” di Martì Guixè, il “Golosimetro” di cioccolato di Paolo Ulian e lo “Sugar Spoon” di Marije Vogelzang. Saranno esposti anche  oggetti di design realizzati con materiali alimentari, come il “Decafè” di Raúl Laurí Pla, vincitore del Salone satellite 2012 a Milano o  i  “Popsicles” di Putput, spugne sagomate come ghiaccioli, in quanto “esempio di oggetto di design che allude al cibo”.

PROGETTO CIBO - LA FORMA DEL GUSTO_Cosebelle_07

PUTPUT – Popsicles, 2012

Al designer Martì Guixé è stato affidato l’incarico di un progetto site-specific per il Mart, mentre un’indagine sul futuro del cibo è la sezione conclusiva del percorso, in cui la dimensione sociale ed etica tornerà ad essere centrale.

PROGETTO CIBO - LA FORMA DEL GUSTO_Cosebelle_00

MOSTRA “Progetto Cibo. La forma del gusto”

Dove & Info
MartRovereto
Corso Bettini, 43
38068 Rovereto (TN)
T. 800 397760
info@mart.trento.it

Quando
Dal 9 febbraio al 2 giugno presso – Orari: mar-dom 10.00-18.00,  ven 10.00-21.00.

Tariffe
Intero 11 Euro
Ridotto 7 Euro
Gratuito fino ai 14 anni