Destinazione Barcellona! C’è chi la raggiunge ogni anno per il Primavera Sound Festival (non prima di aver dato un’occhiata alle nostre dritte sulle varie edizioni, ovvio!). Chi sceglie il capoluogo catalano perché ha un debole per l’architettura; del resto non esiste luogo in grado di competerle per avvicinarsi alla produzione di Antoni Gaudí, a partire dalla Sagrada Familia. Oppure, semplicemente, si punta dritto da queste parti perché si ha la certezza di poter trascorrere un weekend appagante, viste le pressoché illimitate cose belle a disposizione, clima mediterraneo incluso. Quella che scoprirete di seguito è una Barcellona capace di prendersi cura – e di valorizzare – i propri spazi interni. Oltre alle sue architetture-manifesto – dal Parc Güell di Gaudí alla Fundació Joan Miró di Josep Lluís Sert; dal Santa Caterina Market di EMBT Associated Architects alla Torre Agbar di Jean Nouvel; dal Barcelona Pavilion di Mies van der Rohe al Barcelona Fish di Gehry Partners -, BCN raccoglie con continuità processi di rigenerazione che infondono nuova linfa al tessuto locale. Le aperture selezionate, in gran parte relative all’ultimo biennio, offrono una testimonianza di questa specifica identità. Rifatevi gli occhi con le nostre gallery: poi, andate a vedere questi luoghi con i vostri occhi. Non solo nelle giornate del #Primaverabello!

Artte

Progetto di: Lázaro Rosa Violán, in collaborazione con Mario Fradera
Concept: Inondato di giorno di luce naturale, proveniente da generosi lucernari, Artte accoglie una programmazione artistica permanente nei suoi 400 mq, nel quartiere dell’Eixample. Aperto dalle 16.00 alle 2, lo spazio si presenta mutevole e versatile, in grado di rispondere ai esigenze connesse ai diversi appuntamenti quotidiani. A prevalente, nell’interior design, sono i richiami industrial vintage, con echi scandinavi. Accoglie un ristorante – con proposte che uniscono echi mediterranei a sapori e consistenze del resto del mondo, secondo il linguaggio gastronomico dello chef Enric López – un palcoscenico per eventi e un cocktail bar. Proprio quest’ultima presenza costituisce il fiore all’occhiello di Artte, grazie alle creative proposte di Pablo Pelatti – semifinalista al World Class Competition, tra i più famosi contest del settore – e Walter Reitano. Un’oasi urbana da provare, specie nelle torride serate estive di Barcellona.

Dove: Muntaner 83C, 08011 Barcellona
Contatti: Facebook / Twitter / InstagramWebsite / +34 93 454 90 48

Bellavista del Jardín del Norte

Progetto di: El Equipo Creativo
Concept: Sentirsi a casa, degustando tapas di qualità in un’atmosfera rilassata e divertente. Questa la richiesta dei committenti del Bellavista, elegante locale di 1000mq, inaugurato nel luglio 2016. Da questo punto di partenza, i progettisti hanno agito amplificando lo spirito giocoso storicamente associato alle città della Spagna. Prima di raggiungere il grande giardino, alla cui presenza si lega il nome del ristorante, si possono così attraversare ambientazioni in grado di stupire. Del resto, i fiori appesi al soffitto dell’ingresso, memoria delle tradizionali decorazioni floreali per le feste, non possono che lasciar presagire un crescendo di sorprese.

Dove: Enric Granados, 86-88 Barcellona
Contatti: Facebook / Twitter / Website / +34 938 56 29 49

Sala Beckett

Progetto di: Flores & Prats Architects
Concept: Aperto a novembre 2016, nel distretto Sant Martí, questo spazio culturale – con una vocazione per il teatro, la sperimentazione e la formazione -, occupa la precedente sede della cooperativa Pau i Justicia, risalente agli anni Venti del Novecento. Gli architetti Ricardo Flores ed Eva prats, artefici del restauro architettonico e della rifunzionalizzazione, hanno condotto il proprio intervento sul filo della memoria e nel rispetto delle stratificazioni storiche. “La sfida– hanno dichiarato – era adattare l’edificio al suo nuovo uso senza danneggiare i suoi fantasmi.” Il risultato finale concede ai visitatori dei giorni nostri la possibilità di cogliere e leggere le qualità spaziali e decorative della struttura originaria, considerata parte integrante dell’identità stessa del quartiere. Ogni elemento significativo è stato accuratamente raccolto: dai telai alle porte, le piastrelle policrome, le finestre, le stratificazioni presenti nel tessuto murario e l’intonaco. All’interno oltre all’Internacional Drama Centre, a due spazi espositivi, aule per la lettura e la scrittura di testi drammatici, è presente anche un bar-ristorante aperto alla cittadinanza.

Dove: Carrer de Pere IV, 228-232,  Barcellona
Contatti: Website

Blue Wave Bar

Progetto di: El Equipo Creativo
Concept: Adagiato sul porto di Barcellona, ​​questo elegante cocktail bar assicura ai clienti “un’immersione nell’ambiente marino” attraverso riflessi e giochi di luci/ombre durante tutto il giorno. Alla base del progetto, la volontà di ricreare negli interni l’effetto di “un’onda sul punto di rompersi”. Il risultato è uno spazio che pur mantenendo la sua unitarietà invita alla contemplazione grazie alla declinazione del motivo dell’onda su tutte le superfici. Pavimento, pareti e soffitto sono definiti da  materiali dall’alto potere riflettente, tra cui una speciale ceramica realizzata, per l’occasione, con finitura sia opaca sia lucida. Un luogo che invita a rilassarsi, ascoltare il mare e perdersi nell’osservazione dell’orizzonte. Magari un ottimo cocktail tra le mani.

Dove: Moll de l’Escar 1, Barcellona
ContattiWebsite

Disfrutar

Progetto di: El Equipo Creativo
Concept: Al centro di questo locale di oltre 500mq, i progettisti hanno collocato la cucina, autentico link tra due ambienti distinti. Elevata alla status di cuore del ristorante, si offre con generosità alla vista dei clienti, incoraggiata dalle accattivanti aperture a gettare uno sguardo nell’area di preparazione dei cibi. Il fil rouge dell’intero intervento è la ceramica, materiale scelto per la sua capacità di trasferire con immediatezza i valori della committenza, in primis il rispetto per la storia e per il patrimonio del Mediterraneo. Diverse le declinazioni disponibili, con soluzioni più scintillanti e preziose, cui è assegnato un’identità quasi artistica, fino alle ceramiche mantenute nel colore originario.

Dove: Calle Villarroel 163, Barcellona
Contatti: Website

Mit Mat Mama Store

Progetto di: Román Izquierdo Bouldstridge
Concept: Questo – pubblicatissimo – negozio di abbigliamento, con proposte moda + accessori per le mamme, è un ottimo esempio di come le legittime esigenze legate alla vendita possano sempre tenersi a debita distanza dal rischio di sovraffollamento. Il progettista ha infatti optato per un sistema espositivo modulare, con uno sviluppo da pavimento a soffitto, in legno. “Lo scopo principale – ha precisato Bouldstridge – è influenzare positivamente la decisione di acquisto finale del cliente, coinvolgendolo in uno spazio fatto di natura e luce“. Il percorso “nel verde” e tra gli abiti conduce verso un grande specchio, in grado di amplificare, almeno visivamente, la superficie realmente disponibile.

Dove: Carrer Urgell, 282, Barcellona
Contatti: Website