…e scusate il ritardo!

Pare che l’iPad sia stato IL regalo del Natale 2011 (alla faccia della crisi economica), ed è strano come, nel momento in cui sembra che non possiamo più fare a meno della tecnologia, le app più diffuse (e, ci scommetto, anche le più scaricate) sono quelle che propongono versioni digitali di taccuini e block notes, con tanto di righe, spirali, e carta ingiallita. Persino la mitica Moleskine ha una sua versione 2.0 di tutto rispetto.

Che la definitiva e tanto attesa rivoluzione digitale ci abbia fatto attendere invano e le tendenze si siano invertite?

Pare la pensino così anche i creativi che firmano il primo numero di Polkadot: un magazine che ha le spalle coperte… da un sito internet. Polkadot nasce online nel 2006 e si sdoppia in versione cartacea lo scorso aprile, in occasione della settimana del design. Il concetto è semplice: spegnete per qualche minuto pc, cellulari (potete anche mettere il silenzioso!) e ipod, e prendetevi il tempo per una lettura su carta, come non facevate da tempo. Precisamente da quando tutte le cose più interessanti sono migrate sul web. Pillole di design, moda, fotografia, architettura, musica e arte da toccare con mano.