20111120-152205.jpg

Parasimpatico,
dal 9 novembre al 18 dicembre, Milano

L’attesissima mostra di Pipilotti Rist ha aperto i battenti nelle sale dell’ ex Cinema Manzoni, storica sala cinematografica di Milano, chiusa al pubblico nel 2006.

20111120-152525.jpg

Le sale dell’ex cinema si rianimano di video installazioni in technicolor. Come essere all’interno di un caleidoscopio gigante o di una scatola magica in cui perdi completamente il senso dell’orientamento e vieni rapito dai suoni e dalle immagini fluttuanti e super sature, sparse in ogni dove. Dalla scalinata d’ingresso, alla parete del bar, al soffitto, fino al maxi schermo della sala centrale.

20111120-154239.jpg

Lo scalone si anima della famosa video installazione “Lobe of the Lung” che incombe sopra le teste dei visitatori, dedicata a Pepperminta, una ragazza dai capelli rossi, attraversa un campo di tulipani. Nell’atrio del primo piano, oltre il bancone del bar si scorge la proiezione di “I am Called a Plant” dove si intravede una donna nuda dalla pelle bianchissima, con una parrucca color fucsia che si specchia in una pozzanghera.

20111120-153845.jpg

“Sip My Ocean” proiettato tra muro e vetrine, dove le alghe si alternano a corpi fluttuanti. Nell’anticamera delle toilette troviamo “Solution for Man” e “Solution for Woman” creature astratte si dissolvono e si trasformano

20111120-152945.jpg

A completare l’opera, nella sale centrale viene proiuettata “Open My Glade”, un autoritratto dell’artista violentemente schiacciato contro un vetro. Sulla volta del soffitto, si anima “Extremities” seni, orecchie, piedi, peni, bocche galleggiano nel buio e sul soffitto dalla balconata “Homo Sapiens Sapiens” evoca la storia di Adamo ed Eva.

20111120-155529.jpg

Ringraziamo la Fondazione Trussardi che ancora una volta regala a Milano la mostra di un’ artista contemporanea di fama internazionale e tutto magicamente gratuito, cosa che non guasta visto i prezzi pazzi di mostre e musei.