Una giovane stilista.

Tre anni fa, la slovena Sara Smrajc si è trasferita a Milano sperando di studiare moda e mangiare gelato.

Sara ha iniziato creando mini gonne per le sue compagne della NABA. Le gonne si sono trasformate in vestiti, che hanno portato a una collezione, finchè non le è stato chiesto di disegnare i costumi per il famoso teatro sloveno MGL.

Lo spettacolo fu buono, ma i costumi rubarono la scena. Sara disegna sotto il nome di “Perry Hotter” da sempre.

Attualmente sta lavorando a diversi progetti, cercando di tenere il passo alla grande richiesta delle sue mini gonne, esaurite in tutta Milano.

CB: Ho quattro delle tue mini gonne. Perchè credi siano così speciali?

Sara: Sono semplici, sexy e comode. Eccetto che per giocare a frisbee.

CB: Perchè sei così attratta dai costumi per la danza?

Sara: Ho danzato per 12 anni e adesso mi manca, forse questo è il mio modo per rimanere a stretto contatto con quel mondo.

CB: Come ti è venuto il nome “Perry Hotter”?

Sara: Ero molto ubriaca una notte e indossavo i miei occhiali da “Harry Potter” con una cicatrice in testa; sono apparsi insieme.

CB: Come Milano ha influenzato il tuo stile?

Sara: Mi ha fatto diventare più femminile. Non mi spaventa più essere donna. C’è anche più libertà di espressione. Per esempio, da dove vengo, io sono come Lady Gaga.

La nuova collezione di Perry Hotter uscirà a Settembre.

20110517-094255.jpg

20110517-094346.jpg

20110517-094326.jpg