La Pasqua si avvicina.

Come dolce della tradizione abbiamo scelto la Pastiera: un caposaldo della cucina napoletana, la cui diffusione risale almeno al 1600.
L’ingrediente fondamentale della pastiera è il grano, intero e cotto, cui si aggiungono gli altri componenti, tutti tipici della pasticceria meridionale: ricotta fresca, acqua di fior d’arancio e canditi. Lo strutto è usato al posto del burro per preparare la frolla. Per avere un ottimo risultato, occorre evitare le scorciatoie, cioè le confezioni di grano “già pronto” per pastiera, in vendita nei negozi e nei supermercati.

Ingredienti per 12 persone:

Per la farcia:
ricotta g 600
grano ammollato g 250
cedro e scorza d’arancia canditi g 100
6 uova
limone
cannella in polvere
latte
acqua di fior d’arancio

Per la frolla:
strutto g 100
zucchero semolato g 150
2 uova
burro e farina per spianatoia e stampo

Procedimento:
Impastate la farina con lo strutto, unite lo zucchero e le uova, lavorate velocemente, coprite e lasciate riposare in frigorifero.
Intanto, portate a bollore g 500 di latte, unitevi mezzo cucchiaino di cannella, la scorza del limone e cuocetevi il grano scolato finché tutto il liquido sarà assorbito. Togliete la scorza e fate raffreddare.
Stemperate la ricotta, amalgamatevi i tuorli delle uova, lo zucchero, i canditi a pezzetti, 4 cucchiai di acqua di fior d’arancio e un pizzico di cannella. Unite il grano e gli albumi a neve. Stendete tre quarti della pasta, foderate con essa uno stampo del diametro di cm 26, imburrato e infarinato.
Quindi riempite con la farcia, disponete a griglia le strisce ricavate dalla pasta che resta e infornate a 180° C per circa un’ora…
Ed il gioco è fatto!

E allora potremo finalmente dire con certezza: mangiamo, beviamo, godiamo.

pastiera-napoletana