Ho deciso di chiamarlo pesto anche se sappiamo tutti che l’unico vero pesto è quello genovese e che si fa rigorosamente usando il mortaio. Ma a volte usiamo le parole per rendere i concetti più semplici, più familiari.

Come in questo caso in cui il pesto è una crema di finocchi e mandorle facilissima e veloce da preparare, uno di quei condimenti jolly che salvano qualsiasi pranzo o cena dell’ultimo minuto. Una ricetta non ricetta (perché davvero si tratta di un paio di passaggi) fresca e leggera ma sorprendente, soprattutto per chi i finocchi se li è sempre e solo immaginati lessi, con un’aria triste e un sapore acquoso.

Visto che ci vogliono davvero 5 minuti e la crema si prepara mentre cuoce la pasta, vale la pena rischiare e provare!

pasta finocchi mandorle

Ingredienti (per 4 persone)

350 g di pasta corta integrale

2 finocchi piccoli

50 g di mandorle pelate

2 cucchiai di olive taggiasche

semi di finocchietto

scorza di limone

olio extravergine d’oliva

sale e pepe

pesto finocchi mandorle

Pulite i finocchi eliminando o pelando le parti esterne più coriacee, togliete il torsolo e tagliateli a fettine sottili e poi a pezzetti. Mettete la pasta a cuocere e radunate i finocchi nel bicchiere del mixer insieme alle mandorle, un pizzico di sale e pepe, la scorza di limone grattata e un bel giro d’olio. Frullate tutto per ottenere una crema. Scolate la pasta tenendo da parte un po’ d’acqua di cottura che userete per aiutarvi a condire con il pesto di finocchi, aggiungete anche le olive a rondelle e servite.