Orange-is-the-New-Black-Promo-Art-Header-e1370546569595

Piper Chapman è la classica biondina benestante newyorkese fissata con il cibo biologico e le diete liquide alla moda, che può permettersi il lusso di mollare il lavoro per lanciare un brand di saponette fatte in casa assieme alla sua migliore amica altrettanto fighetta. Nel suo futuro c’è il matrimonio con Larry, aspirante scrittore e sua anima gemella radical-chic.

Tutto perfetto, all’apparenza. Peccato che Piper debba scontare 15 mesi in una prigione federale per aver trasportato qualche anno prima una valigetta piena di narcodollari per conto della sua ex fidanzata Alex. La vita da sogno di Piper si trasforma in un incubo appena varcati i cancelli di Litchfield: qui ogni giornata è scandita da rituali all’apparenza assurdi, ci sono nuove leggi da rispettare per chi ha infranto la legge là fuori e soprattutto le nuove coinquiline sono molto diverse da quelle ai tempi del college. Piper, grazie alla sua vena creativa e al suo visino alla Katy Perry, riuscirà a farsi nuove amicizie, ma la sua inesperienza in galera la porterà a pestare i piedi alle persone sbagliate.

Piper

Trasmessa dal canale americano on demand Netflix, Orange is the new black è una webserie che tratta il genere del prison movie con i toni agrodolci della comedy, senza mai scivolare nell’ovvietà del dramma. Il carcere in cui si svolge l’azione è un microcosmo multiculturale popolato da donne diverse tra loro (lesbiche, tossiche, suore, fanatiche religiose, una transessuale ecc…) che hanno semplicemente preso le decisioni sbagliate e hanno la dignità e la forza di pagare per gli errori commessi. Un universo femminile  raccontato con sensibilità e ironia, e poco importa se i cliché del secondino viscido e degli stereotipi razziali siano spesso dietro l’angolo. Ottimo il cast che comprende l’ex star di American Pie Jason Biggs, e soprattutto un magnifico gruppo di attrici semi sconosciute, fra cui spicca la protagonista Taylor Schilling, abilissima nell’ alternare momenti drammatici ad altri più leggeri. Splendida anche la sigla di apertura, interpretata da Regina Spektor, in cui attraverso un montaggio veloce vengono mostrati i particolari del volto delle protagoniste. Un omaggio a tutte quelle imperfezioni che le rendono  esseri unici e speciali.

Tratta dalla storia vera di Piper Kerman, Orange is the new black è diventata già una serie di culto ed è stata rinnovata per una seconda stagione. Ora siete condannate a recuperarla!

piper_alex