Pausa pranzo a me! Se siete stufe di toast e panini scaldaticci, di interminabili file a bar e self service dite una volta per tutte basta.

La risposta c’è. La potete chiamare schiscetta, gavetta, panierino. O potete fare poliglotte e chiamarla lunchbox.

E sì, sono cose serie. Quindi se ci mettete il brodino non lo vedrete andare da tutte le parti (ma…brodino? siete proprio sicure).

Se siete paypal-aholic qui c’è pane per i vostri denti, ma lunchbox vuol dire anche inventiva. Quindi di spazio per crafter o amanti dell’handmade ce n’è ancora di più.

1. Black+Blum Lunch Pot

Il porta pranzo con il manico

Il porta pranzo con il manico

Due scomparti capienti, un manico per portarlo comodamente in giro con voi (e la forchetta/cucchiaio in allegato!)

2. Monbento

Monbento, l'originale!

Monbento, l’originale!

Prima correte qui! Poi decidete come personalizzare il solo e unico Monbento. Bello bellissimo. Unica pecca il prezzo. Fra personalizzazione e spedizione si superano i 50 euro. Un po’ troppi per la pausa pranzo, no?

3. Lego lunchbox

La lego lunchbox

La lego lunchbox

Dite la verità, a vederlo avete pensato che potesse andar bene al massimo per vostro nipote settenne. Alla seconda occhiata almeno un po’ di dubbi vi sono venuti.

4. Brown Paper Bag lunch bag

Lunchbox di carta old school

Lunchbox di carta old school

Se siete fan della old school non potete farvi mancare questa lunchbox. E’ fatta in tyvek, un tessuto non tessuto (ho scoperto su wikipedia) simile alla carta, difficile da strappare ma facilmente tagliabile con forbici o coltello.

5. Il mio panierino homemade

La mia personalissima lunchbox

La mia personalissima lunchbox

Io la mia lunchbox l’ho fatta da me. Ho preso due contenitori per alimenti belli resistenti dell’ikea tipo questo (tipo, perché i miei sono quadrati e più piccolini) li ho impilati e tenuti insieme con un tessuto annodato due volte. Rifarlo non è semplice, di più!