Gli artisti creano cose SUI fogli. Peter Calessen crea cose CON i fogli.

Con i fogli A4, in particolare. Avete presente quelli che abbiamo usato un milione di volte per mandare fax, stampare documenti e fare aeroplanini di carta? Ecco, Peter Calessen deve aver scoperto ben presto che le barchette e i cappellini non erano poi un granché, per lui. Nella sua biografia Peter ci racconta che è proprio per il loro essere così familiari a tutti, così adatti a veicolare informazioni, ma allo stesso tempo anche fragili e aperti ad essere riempiti con diversi significati, che gli A4 sono diventati il mezzo perfetto per creare le sue stupefacenti opere.

Ma Calessen non si ferma qui e oltre alle sculture di carta si dedica a performance, installazioni e lavori sull’acqua. I suoi lavori, giocando sia sulla scultura di carta che sul vuoto lasciato nel foglio (che sono sempre due facce dello stesso soggetto), parlano di temi forti: i sogni, la morte, le imprese impossibili, illusioni, memoria ed infanzia perduta, sempre (come lui stesso dice) con un tocco tragicomico.

Bene. E adesso provate ancora ad esultare quando riuscite a far diventare cigno il volantino o il foglio degli appunti.