Se c’è una cosa che ho sempre adorato, e sono certa che non valga solo per me, è andare a spulciare nei mobili da toeletta e comò della nonna. Dentro vi si trovano oggetti, profumi e colori che sembra raccontino una storia. Certo, a volte ti imbatti anche in pennelli da trucco con setole che più che stendere un fard ti scartavetrano la faccia, oppure in oggetti che starebbero bene in un museo archeologico, ma più spesso fanno capolino accessori che non puoi fare a meno di sottrarre alla nonna “Tanto lei ora cosa se ne fa“, perché sono veramente troppo belli.

Questo è l’effetto che ho avuto scoprendo Karo Baum: una giovane colombiana con un grande amore per l’arte (sì, ancora moda e arte) che crea gioielli dal gusto retrò, bon ton, con un tocco di gotico, strafemminili e super eleganti.

Karo, la cui età pare che sia un mistero, dopo la laurea a Brera ha viaggiato molto e l’incontro con differenti persone e culture, insieme agli anni di lavoro al fianco di stilisti francesi, italiani e giapponesi, le ha permesso di sviluppare la sua eclettica linea di gioielli. Creati completamente a mano, i suddetti ninnoli, sono composti con svariate tecniche apprese in giro per il mondo,e diversi materiali: resina, stoffe, passamanerie sono combinate sapientemente in creazioni che inneggiano alla femminilità. Non le sentite cantare??

E sebbene i richiami più evidenti siano quelli al passato Karo ha anche calcato l’onda di uno dei trend del momento: i colletti. Senza far mancare il suo personalissimo tocco con dettagli colorati e fiabeschi.

Beh donzelle se volete vedere dal vivo e acquistare i gioielli di Karo Baum li potete trovare a Le Solferine a Milano, in Via Solferino 2.

Au revoir!