O “Ritorno a Oz”, non ho mai ben capito. Forse tutti e due.
In ogni caso, altro cult datato 1985. Una commistione strana fra la Disney e un semi thriller psicologico.

Dorothy ha dei problemi a dimenticare OZ, da quando è tornata in Kansas. Pensa e vede segnali dovunque, di quel posto lontano e fantastico. La zia Emma pensa bene di portarla a fare l’elettroshock, per disfarsi di insonnie e discorsi monotematici. Un po’ come quando vai in Erasmus e torni e parli solo di quel giardino incantato. Divagazioni a parte, Dorothy riesce a fuggire dalla clinica, torna non sa manco lei come a Oz, incontrerà un bel po’ di personaggi fra l’assurdo, il divertente, il pauroso. Avete mai sentito parlare dei ruotanti? Non ve li consiglio. Ma consiglio questo film, uno dei miei preferiti in assoluto. Polvere della vita from 80’s.